MissMess

MissMess

Life, Love, Passion

Tag: ricetta

Cous Cous, ed è subito Mille e una Notte!

    C’è stato un momento ( lungo, parecchio lungo a dire il vero ) in cui ho detestato tutto quello che aveva a che fare con l’Oriente. Troppo Oriente…

 

 

C’è stato un momento ( lungo, parecchio lungo a dire il vero )

in cui ho detestato tutto quello che aveva a che fare con l’Oriente.

Troppo Oriente nella mia vita in un tempo troppo ravvicinato.

Troppi viaggi da quella parte del mondo ma soprattutto troppi sapori forti.

Sapori che, peraltro,

ho sempre amato e ho sempre cercato di ricreare a casa mia

ma che all’ennesimo viaggio

– ero in Marocco e ricordo benissimo il momento preciso in cui accadde –

e all’ennesimo cous cous,

mi hanno fatto disinnamorare.

Un divorzio in piena regola.

E’ passato quasi un anno.

Ma oggi, facendo la spesa,

quell’elegante scatolina nera de La Molisana

ha risvegliato il mio sentimento,

quel sentimento che, alla fine,

era solo sopito perchè si sa,

i grandi amori fanno giri immensi ma poi ritornano sempre ed il mio,

per tutto ciò che sta ad est è amore vero.

Perciò ho rispolverato quella vecchia e semplicissima ricetta esotica 

che, paziente, ha aspettato il mio ritorno.

 

P.S. La Molisana eletto best cous cous ever: grani di misura e porosità giuste da non sovrastare le verdure.

 

 

 

Ingredienti:

250 gr cous cous

2 zucchine grandi

1 peperone grande

sale qb

pepe qb

curcuma qb

olio di cocco qb

 

 

 

Procedimento:

 

In una padella antiaderente cuocere a fuoco lento le verdure

tagliate grossolanamente insieme all’olio di cocco.

Aggiungere il sale, il pepe e la curcuma:

io con la curcuma abbondo sempre che da quando ho scoperto

le sue innumerevoli proprietà non riesco più a farne a meno.

Una volta che le verdure saranno morbide e dorate

–  a me piace che i pezzi rimangano belli grandi

perciò non le cucino troppo per non ridurle in poltiglia! 

spegnete il fuoco e aggiungete il cous cous

che avrete cotto in acqua bollente in una pentola a parte.

Procedimento facilissimo.

Far bollire l’acqua, togliere la pentola dal fuoco, versare il cous cous,

mescolare per 2/3 minuti ed è fatta.

( io non salo l’acqua di cottura perchè condisco per bene le verdure ma è personale ).

Attenzione:

il cous cous non va scolato come gli spaghetti

perciò bisogna cercare di essere il più precisi possibile con la quantità di acqua di cottura

( su tutte le confezioni troverete indicate le dosi ).

In questa ricetta, la dose è per 3/4 persone ergo 250 gr di cous cous e 1/4 di lt d’acqua.

 

N.B. per una vita ho usato l’olio d’oliva poi un giorno la mia amica Cristina, di professione architetto e cuoca per diletto, mi ha fatto provare il suo cous cous con l’olio di cocco.

Non l’ho mai più abbandonato!

Provare per credere!

 

Nessun commento su Cous Cous, ed è subito Mille e una Notte!

The best homemade pizza!

    Chiariamo subito una cosa. La pizza non si discute. Possiamo discutere le 1.000 ricette, i 1001 procedimenti, le 10.000 farine da mescolare per ottenere l’impasto migliore, i 10.001…

 

 

Chiariamo subito una cosa.

La pizza non si discute.

Possiamo discutere le 1.000 ricette,

i 1001 procedimenti,

le 10.000 farine da mescolare per ottenere l’impasto migliore,

i 10.001 riti propiziatori per farla lievitare al meglio.

 

Di pizze ne ho mangiate tantissime ma, ahimè,

preferisco sempre la pizzeria all’ homemade.

Non ho ancora chiaro se il cornicione lo preferisco sottile o ciccione,

l’interno alto o basso,

la pizza grandissima e sottile o piccola, compatta e alta.

L’unica certezza è che mi piace ben cotta.

Detto questo,

tra le decine di pizze mangiate a casa di amici

e amici di amici

e amici di amici che hanno il cugino pizzaiolo da generazioni,

la più buona è quella fatta dal mio amico Maurizio, Sommelier –

gran conoscitore di vini, tanto quanto di lievitazioni.

 

Perciò ecco qui la sua ricetta magica.

Lui si raccomanda di essere precisissimi con le dosi

ma soprattutto con le ore di lievitazione: 48.

Sì, la pazienza è la virtù dei forti,

perciò siate molto forti e la vostra pizza vi ringrazierà!

 

 

 

Ingredienti:

500 gr farina

300 gr acqua

3 gr lievito

10 gr sale

15 gr olio

 

 

 

 

 

Procedimento:

 

Dai che lo sapete tutti come si fa ad impastare la pizza 😉

Unite insieme tutti gli ingredienti,

affondate le manine e manipolate il composto pensando

a come vorreste essere massaggiati in una Spa vista mare.

E’ chiaro no?

Per chi non volesse mettere le mani in pasta,

dateci di impastatrice

( io uso il Kitchen Aid che resta il migliore forever and ever ).

Lasciate lievitare per 48 lunghissime ore in frigo

( di cui la prima mezz’ora all’aria ).

Togliete l’impasto fuori dal frigo la mattina,

per poi lavorarlo e infornarlo la sera.

Guarnite con pomodoro e mozzarella

( i puristi direbbero E BASTA! )

e tutto ciò che più vi piace e infornate.

Forno statico a 200 gradi.

30 minuti circa.

 

 


 

 

Si dice che siano i dettagli a fare la differenza e qui di dettagli ne abbiamo parecchi.

Io oggi ho cercato di seguirli tutti per arrivare alla mia prima pizza perfetta!

Adesso addento e poi vi faccio sapere!

 

 

Nessun commento su The best homemade pizza!

Lievito di birra homemade!

    Ci sono situazioni si viene travolti da una voglia irrefrenabile di pizza ma il lievito è introvabile. Ebbene, questo è uno di quei momenti. Per questo ho deciso…

 

 

Ci sono situazioni si viene travolti

da una voglia irrefrenabile di pizza

ma il lievito è introvabile.

Ebbene, questo è uno di quei momenti.

Per questo ho deciso di fare, per la prima volta, il lievito homemade.

 

Il procedimento è facilissimo, il risultato perfetto!

 

Ingredienti:

Farina 1 cucchiaio e mezzo

Zucchero 1 cucchiaio e mezzo

Birra doppio malto 150 ml

 

 

 

 

Procedimento:

Semplicissimo.

In una ciotola mescolare farina e zucchero.

Aggiungere la birra mescolando con una frusta o una forchetta.

Il composto risulterà molto liquido

perchè la quantità di birra lo rende liquido

rispetto alla quantità farina e allo zucchero.

Lo zucchero serve ad attivare i lieviti contenuti nella birra.

Una volta pronto,

coprire la ciotola con una pellicola

e far riposare il composto per una notte intera

( o anche di più. Più riposa, meglio è! ).

Dopo una notte il composto si separerà in una parte liquida superficiale

ed una solida sottostante.

Eliminare la parte liquida et voilà,

il lievito è pronto!

Ora vado a fare la pizza e vediamo cosa ne esce 🙂

P.S. Potete conservarlo in frigorifero fino a 24 h oppure congelarlo e conservarlo in freezer.

 

 

Nessun commento su Lievito di birra homemade!

Pancakes per il perfetto brunch del weekend!

  I pancakes, per me, sono come il tubino nero. Vanno bene in ogni occasione. Per questo motivo ho adattato e modificato la ricetta originale ovvero ho tolto lo zucchero…

 

I pancakes, per me, sono come il tubino nero.

Vanno bene in ogni occasione.

Per questo motivo ho adattato e modificato la ricetta originale

ovvero ho tolto lo zucchero così da poterli abbinare sia al salato che al dolce.

Diventano così un passpartout:

dalla colazione, allo spuntino, al pranzo,

all’aperitivo, alla cena.

Li abbino alla marmellata, al salmone,

al classico sciroppo d’acero

che ho portato a casa direttamente dal Canada.

Perciò eccovi qui la ricetta in tutta la sua semplicità.

In 20 minuti i vostri pancakes saranno pronti.

 

 

Ingredienti:

 

Burro 25 gr

Farina 125 gr

Uova 2

Latte 100 ml

Lievito 6 gr

Zucchero 15 gr

 

 

Preparazione:

 

Sciogliere il burro in un pentolino – senza bruciarlo come succede spesso a me per esempio 😉

Separare i tuorli dagli albumi.

Montare a neve gli albumi.

In una terrina mescolare tutti gli ingredienti, aggiungendo per ultimo il burro e fuso e gli albumi montati a neve.

Scaldare la teglia, imburrare o oliare e iniziare la cottura.

Buon brunch a tutti!

 

 

 

 

Nessun commento su Pancakes per il perfetto brunch del weekend!

Christmas Tree Cioccolatoso!

  Arriva la Vigilia di Natale e mi ritrovo a correre e a rincorrere: ultimi regali da comprare, la lista della spesa che, giuro, ero certa di aver aver completato….

 

  1. Arriva la Vigilia di Natale e mi ritrovo a correre e a rincorrere:
  2. ultimi regali da comprare, la lista della spesa che, giuro, ero certa di aver aver completato.

 

  1. I tortellini che anche quest’anno saranno quelli di Giovanni Rana perchè ho organizzato tutto,
  2. anche il tirapasta ma il tempo, quello,
  3. non sono riuscita a trovarlo.
  1. I biscotti natalizi di Agata che non possono e non devono mancare.
  2. Il calendario dell’Avvento e l’ultima finestrella che apro oggi.
  3. La colazione della vigilia con quell’amica che è anche sorella e che dopo quasi 20 anni,
  4. ritrovo al mio tavolo in una mattina di sole.
  1. Caffelatte fumante, tazze natalizie,
  2. IL pigiama color albicocca che mi riporta a quegli anni spensierati che non torneranno più
  3. ma che ci hanno fatto diventare quelle che siamo.
  4. Questo momento, proprio questo, è il mio regalo di Natale.
  5. Una serenità che è difficile da tradurre a parole, la gioia mentre ci trucchiamo prima di uscire,
  6. i ricordi, le emozioni, la consapevolezza che se ci credi tutto si supera e tutto torna a brillare.
  7. Buon Natale gente, che possiate splendere, sempre.
  8. { e tu lassù, sono certa che sei orgoglioso di noi due qui }

 

 

 

  1. Tempi stretti, dolce veloce…ecco a voi un’idea flash!!!

 

 

 

  1. Ingredienti:
  2. 2 confezioni di pasta sfoglia
  3. Nutella e/o crema di nocciole
  4. M&M’s
  5. Zucchero a velo

 

 

Procedimento:

  1. Super mega facilissimo.
  2. Seguite le foto,
  3. metteteci il cuore e ne nascerà l’albero più bello del mondo 😉

 

 

img_4603 img_4604img_4605 img_4608img_4609img_4611img_4610img_4613img_4619img_4617img_4620img_4633

Nessun commento su Christmas Tree Cioccolatoso!

Crunch Chocolate Cake!

  Per me che non amo il cioccolato questa è stata una vera scoperta. Semplicissima, veloce, croccante e buona da far paura! L’ho assaggiata, la prima volta, durante una delle…

 

  1. Per me che non amo il cioccolato questa è stata una vera scoperta.
  2. Semplicissima, veloce, croccante e buona da far paura!
  3. L’ho assaggiata, la prima volta, durante una delle nostre cene “magiche”.
  4. Una di quelle cene fatte di chiacchere, spadellamenti , vino e risate.
  5. E’ tutta opera di Andrea, l’artista del mio cuore,
  6. che tra un quadro e l’altro mescola cornflakes e cioccolato fuso con la stessa passione con cui colora le sue tele.
  7. Riuniti nella sua cucina arancione – micetti magici compresi –
  8. con un mestolo home made personalizzato,
  9. la Crunch Chocolate Cake prende forma e dà calore ad un freddo sabato pomeriggio di novembre.

 

 

img_2733

 

 

 

 

  1. Ingredienti:
  2. cioccolato 
  3. cornflakes
  4. rhum 
  5. granella di cocco 

 

 

 

  1. Preparazione:

 

  1. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria ( al latte o fondente non importa, è buona comunque! ).
  2. Una volta sciolto, aggiungere un pò di rhum ed i cornflakes.
  3. Mescolare facendo attenzione a non romperli fino a quando saranno tutti coperti dal cioccolato.
  4. A quel punto, stendere su una teglia i cornflakes cioccolatosi e mettere a raffreddare fino a che il tutto non si solidifica.
  5. Cospargere di granella di cocco, stendersi sul divano, spezzare la Crunch Cake e degustare fino alla nausea.

 

 

( uno dei segreti di questa torta sono le dosi: totalmente ad occhio ma sbagliare è quasi impossibile! ).

 

 

 

img_2695 img_2700 img_2702 img_2703img_2707img_2711img_2713img_2714img_2779fullsizerender

Nessun commento su Crunch Chocolate Cake!

Type on the field below and hit Enter/Return to search