LazyPippi

Un tempo avrei preferito nascere a Londra. Periodo anni ’60. Ora dico: amo la mia città con tutto il cuore. Il suo mare, la sua Bora, la mia casa, la mia cucina, il mio divano, i miei libri, i miei amici, i miei cani, il mio amore. Sono in mille cose affaccendata ma il mio animo è Lazy. Bionda nell’anima. Molto amica di Snoopy e dei Puffi. Prepotentemente legata al nr. 14. Felice. Scrivo un po’, viaggio molto, fotografo tutto e poi parlo parlo parlo…mi dicono troppo, ma per me non è mai abbastanza… LazyPippi coccola, ama e rispetta gli animali.

Weekend a Valencia: Las Fallas e l’addio al nubilato di Barbara!

  1. Nel mio girovagare, Valencia ancora non l’avevo toccata.
  2. Semplice casualità,
  3. perchè ad andarci ci avevo tentato milioni di volte
  4. ma alla fine ne usciva sempre perdente e volavo altrove.
  5. Adesso, finalmente, siamo qui.
  6. 5 donne più una👰🏼
  7. In una casa magnifica,
  8. piena di luce e di gioia,
  9. con una terrazza immensa che guarda Plaza del Ayuntamiento
  10. e accoglie le nostre risate a crepapelle.

  11. Con una cucina che custodisce yogurt naturali e bollicine,
  12. uova fresche e Oreo ricoperti di cioccolato bianco,
  13. limone per depurarsi la mattina e patatine al prosciutto crudo.
  14.  
  15. Questa città ti travolge con i suoi colori e la sua energia.

  16. Abbiamo camminato nel barrio antiguo e lungo il Turia fino alla città della scienza.

  17. Abbiamo mangiato una paella da leccarsi i baffi alla Pepica
  18. e passeggiato a piedi nudi sulla sabbia.

  19. Abbiamo condiviso e sorriso.

 

  1.  

 

 

  1. Quello che ti frega di Valencia sono i milioni di locali in ogni angolo della città.
  2. Le tapas a tutte le ore del giorno.
  3. L’alternanza birrette – sangria che inizia subito dopo colazione.
  4. I ritmi lenti, il sole che riscalda e la voglia d’estate.
  5. Le vie piene di gente e la meraviglia ogni volta che alzi lo sguardo.

  6. Las Fallas, la più grande festa tradizionale della città,
  7. che se coincide con il tuo weekend valenciano significa grande festa
  8. e la Mascletá alle 14 cada dìa in Plaza del Ayuntamiento💥

  9. Ecco, noi le abbiamo tutte e Barbara ha il miglior team bride che si possa desiderare, ve lo garantisco.
  10. [ ho pure ceduto sul rosa, che con i miei boccoli fa subito Barbie 🙈…ma vuoi mettere?

  11. Per un addio al nubilato così mi butto anch’io alla ricerca di un marito , S U B I T O ! ]

 

 

 

Il viaggio, per me, è cosa sacra.

È tanto guardarsi intorno quanto guardarsi dentro.

È scoperta.

È crescita.

È magia.


I miei compagni di viaggio li scelgo sempre con gran cura e non accetto intromissioni.


Non lascio mai la strada vecchia per la nuova.


Il mio lato critico è sempre allerta e guai a chi cerca di farmi cambiare idea.


Ebbene, capita che mi sbagli.


Capita che 6 ragazze si ritrovino in un appartamento pieno di sole

per un weekend di festeggiamenti a Valencia perché barbara si sposa


Capita che le 6 siano ciò che più di diverso si possa immaginare.


Capita che le risate prendano il sopravvento ( o forse è la sangria! ).


Capita che io dorma meno di 10 ore a notte

e cammini per più di 10 km al giorno e sia felice ( ma forse è la sangria! ).


Capita che io non ami gli adii al nubilato

  1. e mi ritrovi ad indossare del rosa con i boccoli al vento e sia felice ( forse è la sangria! ).

  2. Capita che io detesti il Carnevale con i suoi carri – annessi e connessi –
  3. e mi ritrovi ad ammirare estasiata Las Fallas ad ogni angolo di Valencia ( forse è la sangria! ).

  4. Capita che “tutta quella bolgia non fa per me”
  5. e saltelli felice con trolley al seguito in mezzo al milione e mezzo di persone
  6. accorse in città per festeggiare la Mascletá ( forse, anche in questo caso, è la sangria! ).


Ebbene, non ho mai bevuto sangria!


  1. È la vita gente!

  2. Che non smette di sorprendere, stupire, meravigliare.

  3. È così che in un lunedì di sole ci si ritrova a sentire la mancanza delle colazioni valenciane sul terrazzo,
  4. a ringraziare perchè ognuna ha portato il suo piccolo bagaglio ed è ripartita con qualcosa in più.

  5. Tante piccole parti di noi donate agli altri ed un flusso continuo di energia.

  6. È con quell’energia che oggi ho affrontato momenti poco brillanti.

  7. È con quell’energia che vado a dormire e non saranno 10 ore nemmeno stanotte ma volete mettere?

  8. Nuove consapevolezze battono sonno 10-0 🌟

 

 

Del soprano Maria Cioppi e del suo amore per la lirica!

 

  1. Persone che ti entrano dentro fin dal primo sguardo.
  2. Persone che diventano amiche al primo spritz.
  3. Persone che ci si saluta sotto casa per continuare a raccontarsi via WhatsApp.
  4. Persone che mancano e se ne sono andate solo ieri.
  5. Abitudini fatte di chiacchere e ore piccole.

  6. Di me che ormai parlo toscano e le arance caramellate sono un must.

  7. Di un biglietto del treno che ci ricongiungerà e, finalmente, chiuderemo il cerchio.

  8. Di Maria Cioppi e del suo appassionante lavoro di cantante lirica.
  9. Con Maria ci siamo conosciute a Trieste.
  10. E’ stato amore a prima vista,
  11. così l’idea di un dietro le quinte con intervista ci è parsa subito una cosa da fare 😉
  12. Il suo camerino al terzo piano del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste
  13. è accanto alla sala trucco e parrucco e profuma di zenzero.
  14. Il guardiano del fortino è la chiui Lola
  15. che dispensa leccatine affettuose esclusivamente a chi conosce bene;
  16. con gli estranei diventa un pitbull!

  17. Con loro ho diviso camerino, trucco e parrucco.
  18. Qui il racconto del dietro le quinte del Barbiere di Siviglia, tra vocalizzi, chiacchere ed emozioni travolgenti

 

 

 

 

 

 

  1. Cioppi, eccoci qui.
  2. Alla “n” rappresentazione della tua carriera.
  3. Non ricordi il numero ma ricordi sicuramente la tua prima volta, il tuo debutto nel mondo della lirica.
  4. Dove, quando ma soprattutto con quale Opera?

 

  1. Ho iniziato nel coro del Festival Pucciniano.
  2. Dopo il 1°anno ho fatto un’ audizione per fare una piccola parte in Suor Angelica di Giacomo Puccini e quella è stata in assoluto la prima volta che cantavo da solista in un’opera.
  3. Era il 1989.
  4. Nel 1991, invece, ho fatto il mio primo ruolo da protagonista nel “Telefono “di Menotti al Festival di Radicondoli interpretando Lucy.

 

  1. Mi hai raccontato che il tuo sogno era diplomarti all’Isef.
  2. Come sei passata dallo sport alla musica? 

 

  1. È  vero l’Isef!!!!
  2. Da giovanissima facevo ginnastica ritmico/artistica ed ho anche vinto qualche medaglia ai campionati provinciali e regionali.
  3. Avrei voluto continuare iscrivendomi appunto all’ ISEF ma il destino mi ha fatto cambiare strada.
  4. Intorno ai 14 anni cantavo nel coro del Duomo della mia città e la mia voce si sentiva al di sopra delle altre.
  5. Alcune mie compagne di coro frequentavano una scuola di musica in un paese vicino e mi convinsero a fare un’audizione per entrare nella classe di canto.
  6. Così iniziai lo studio della musica e del canto.
  7. Arrivata alle superiori, l’insegnante di musica volle ascoltarmi e ritenne che in quella scuola avrei solo perso tempo e mi indirizzò ad un’ insegnante che mi preparasse all’esame di ammissione al conservatorio.

 

  1. Dopo averti vista interpretare Berta nel Barbiere di Siviglia, posso dire con certezza che hai uno spiccato lato comico per cui l’opera buffa è sicuramente nelle tue corde.
  2. Quali sono il tuo personaggio e la tua opera preferita?

 

  1. Berta è forse il ruolo che ho interpretato maggiormente nei più importanti teatri italiani e non solo.
  2. In molti dicono che ho una spiccata comicità…forse la mia autoironia emerge anche grazie al personaggio che interpreto 😉
  3. Il mio personaggio preferito, invece, è sicuramente Tosca di Giacomo Puccini.

 

 

  1. Mi sembra che la musica sia un pò sottovalutata nell’ambito scolastico eppure sono in molti ad amarla e a praticarla.
  2. Cosa ne pensi dei talent come fucina di artisti?
  3. Pensi che potremmo mai vederti nella veste di giudice o vocal coach in un talent di musica lirica ( tanto prima o poi arriva !!! )?

  

  1. I Talent…
  2. La lirica nei talent è distorta.
  3. Pensano così di avvicinare i giovani ma il teatro d’opera è un’altra cosa.
  4. Noi cantanti lirici studiamo molto, abbiamo studiato e continuiamo a studiare fino all’ultimo giorno in cui canteremo.
  5. Nei talent cantano tutti con il microfono, spesso non sanno nemmeno cos’è la respirazione diaframmatica e l’appoggio, la colonna del fiato, le messe di voce, il filato, il fraseggio.
  6. Hanno voci gradevoli e vengono osannati e spesso illusi.
  7. Non c’è più cultura e al pubblico ignorante va bene così, ma questa non è la lirica.

 

 

  1. Al teatro unisci l’insegnamento.
  2. Qual’è il percorso da seguire per diventare cantante lirica e cosa consigli a chi inizia ad avvicinarsi a questo mondo?

 

  1. Insegno in un’Accademia ad un nutrito gruppo di ragazzine.
  2. Le aiuto nella respirazione e correggo i punti critici delle loro esibizioni nelle canzoni pop.
  3. Hanno vinto importanti concorsi ed ora le sto preparando per Castrocaro!
  4. L’unica cosa che posso consigliare, quando si tratta di musica lirica, è di studiare studiare e ancora studiare. Studiare tanto.

 

 

  1. Il tuo deve essere un animo gipsy dal momento che giri i teatri di tutto il mondo.
  2. Cosa porti con te per sentirti a casa ( zenzero a parte! )?

 

  1. Se sto via per un po di tempo e sono in Italia e sono in auto la pentola a pressione 🙂
  2. Abbiamo orari molto strani, pranzare e cenare fuori sempre è  negativo per il portafoglio e per il fegato ed avendo poco tempo velocizzo la cottura 😉
  3. In generale il tablet per restare connessa con la mia famiglia e gli amici.
  4. La solitudine si fa sentire.
  5. La distanza, a volte anche di migliaia di chilometri…..
  6. E poi lo zenzero, è vero!!!!!!
  7. Mai senza!
  8. In ultimo le cartoline della mia città: Pontedera!

 

 

  1. So che con Trieste ed il suo teatro hai un rapporto particolare.
  2. Con la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi avete inaugurato il Teatro di Dubai, dove la lirica non era mai arrivata prima.
  3. Come ci si sente ad essere un precursore e cosa significa emotivamente per un’artista tutto questo?

 

  1. Dubai.
  2. Inaugurare un teatro in un paese dove la lirica non fa parte della cultura è elettrizzante.
  3. E’ stata una tournée dove, insieme a tutti i colleghi, tecnici, macchinisti, sarte, trucco, parrucco e a tutta la macchina del Teatro Verdi di Trieste abbiamo presentato l’Italia e la sua cultura agli occhi del mondo.
  4. E’ stata una cosa davvero bella.
  5. Una grande emozione per tutti noi.
  6. Con il Teatro Verdi è stata la mia seconda tournée; la prima a Muscat in Oman con Machbet.
  7. E poi quest’anno il mio debutto a Trieste, finalmente!
  8. Ci sono stata benissimo e spero tanto di tornare presto.

 

  1. Ultima domanda: la Toscana è la culla della lirica oppure è un caso che tutti i cantanti lirici toscani li abbia incontrati io?

 

  1. Eh già, terra di grandi compositori: Mascagni e Puccini, Catalani, Boccherini, Cherubini.
  2. La Toscana è una terra di artisti e musicisti e poi te attiri le persone come miele ( e non solo i toscani! ) 😉

 

 

 

  1. Se volete saperne di più di Maria,
  2. visitate la sua pagina Facebook Maria Cioppi 
  3. oppure il suo Instagram ( che è diventato il suo social preferito!!! ) 
  4. Maria Cioppi Soprano

Sofia! La sorpresa in un weekend di neve, lunghe passeggiate e tanto yogurt ( bulgaro )!

 

  1. Nuova città, nuove avventure.
  2. Freddo becco = cena prestissimo e subito a letto.
  3. Ci hanno accolto la neve e dieci gradi sotto lo zero ma alla Izbata Tavern 
  4. ci hanno riscaldato il cuore con dolmas, kapama, pane speziato e tanta birra.
  5. Adesso pianifichiamo per andare alla scoperta di Sofia

 

 

 

 

 

  1. Sono partita per Sofia piena di dubbi e perplessità.
  2. Perché della città non sapevo niente, nemmeno una foto qua e là,
  3. nemmeno un’amica partita e tornata con racconti golosi.
  4. Del paese conoscevo solo i bulgari di Aldo, Giovanni e Giacomo.
  5. A dirla tutta, Sofia, nei miei pensieri, non c’era mai entrata.
  1. Invece mi ha sorpresa.

  2. Ci ha accolto una città piena di neve e di taxi gialli.

  3. Di parchi innevati pieni di pelosetti gioiosi e gattoni ciccioni.

  4. Di chiese ad ogni angolo e ristoranti sempre pieni che se non prenoti due giorni prima non mangi nemmeno pregando in bulgaro.

  5. Di turisti e di macchine fotografiche.

  6. È piccolina, raccolta,
  7. la si visita in poche ore ma soprattutto c’è il Free Sofia Tour che ti scorrazza in giro per la città for free,
  8. 2 volte al giorno, per farti godere appieno della bellezza di questa piccola perla bulgara.

  9. E poi il cibo è fantastico.

  10. Un pout puorri di sapori che arrivano dalle vicine Grecia, Turchia e Serbia.

  11. Abbiamo mangiato degli involtini di carne deliziosi,
  12. formaggi super saporiti ed uno yogurt che se la gioca solo con quello greco

  13. [ per poi scoprire che lo yogurt è di origine bulgara e che si deve ad un medico bulgaro la scoperta del lactobacillus bulgaricus ma, ahimè,
  14. prospera solo in Bulgaria,
  15. è estremamente difficile da esportare ergo, a colazione,
  16. quintali di yogurt che la Bulgaria è una delle nazioni con maggior numero di ultracentenari al mondo e voglio pensare che sia così anche grazie al loro yogurt ].

  17. Un weekend pieno di piacevoli scoperte.

  18. Come il Moma, dove abbiamo cenato stasera.

  19. Se passate da Sofia andateci, è bello buono e accogliente.

  20. Come ho scoperto essere il popolo bulgaro

 

 

 

  1. Sofia, al tempo dei romani, era chiamata Serdica.
  2. E di quell’epoca sono i resti che si trovano all’ingresso del nostro Hotel.
  3. L’Arena di Serdica ci ospita ma ospita anche l’anfiteatro più grande della Bulgaria.
  4. Le rovine, perfettamente conservate, sono visitabili usando l’ingresso principale dell’hotel ma anche vari sottopassaggi pedonali e la metro.
  5. [ noi ci abbiamo posato le nostre regali chiappe durante la pausa sauna che solo in Bulgaria permettono di piazzare una Spa in un anfiteatro ].
  6. Sofia è così, ti sorprende quando meno te l’aspetti!
  7. Ti sorprende con i suoi strani terrazzini che vengono usati come prolungamento delle cucine e dei ripostigli:
  8. non è così difficile trovare una casalinga che spadella a – 10 in balcone dove, molto spesso, vengono piazzati forni e robot da cucina.
  9. Oppure i cavi sospesi da un palazzo all’altro, inutili, ma ricordo del passato ed ispirazione per molti artisti.
  10. E poi i clacson di cui i bulgari fanno largo uso: suonano sempre, anche per salutare l’amico che passa di lì.
  11. Il Wi-Fi che è dappertutto, anche in mezzo al parco, lontano da tutto e da tutti ma nel nostro hotel,
  12. la domenica mattina, c’è il cambio password ergo siamo tutti offline.
  13. Ma soprattutto il movimento della testa ad indicare si e no molto spesso è al contrario, a discrezione.
  14. Un casino insomma
  15. Di bello, però, c’è che Sofia è una città giovane, piena di gente in giro la sera,
  16. con tanti ( troppi ) night club ma soprattutto molto molto molto anni 90.
  17. Ramazzotti imperversa ovunque e siamo all’album di Se Bastasse Una Canzone,
  18. quando la Hunziker era ancora in Svizzera ed io andavo alla scuola media.
  19. [ Tra poco festeggerò i 40, vedete voi come stanno messi ]
  20. Per me che vivo in una città di confine e che fin da piccola bazzico Slovenia, Croazia e Dalmazia è come un ritorno al passato.
  21. Ecco, Sofia è la Croazia dei gloriosi anni 90 ma con molta più attenzione ai ristoranti ed al food.
  22. Ci tengono moltissimo.
  23. Se magna e se beve a qualunque ora e sempre benissimo.
  24. [ stasera al Lazy è stato magnifico: moderno ma accogliente, specializzati in pesce ma dal cilindro hanno estratto piatti tipici perché io sono del paese che vai,
  25. cibo che trovi il tonno lo mangio a casa mia! ]
  26. E poi stanno puntando molto sul turismo:
  27. le piantine della città sono carine e dettagliate, i tour sono gratuiti,
  28. i taxi sono super economici, la metro una delle più belle e moderne d’Europa ( lo dicono loro eh! ).
  29. Parlano un inglese maccheronico, hanno marciapiedi pericolosissimi,
  30. lastre di ghiaccio ad ogni angolo e pare che nessuno conosca nulla della città.
  31. Per loro musei e chiese sono un optional.
  32. Però, in fila, si trovano Valentino, Cartier, Armani e Brunello Cucinelli che è notoriamente solo per intenditori.
  33. Si passa dai palazzi che wow, alla tristezza infinita.
  34. In mezzo, solo un attraversamento pedonale.
  35. Qui sono così, gente bulgara, ma vi giuro che risultano simpatici.
  36. Se ne avete occasione,
  37. venite a visitarla prima che la trasformino in meta europea di pellegrinaggio low cost e perda quel fascino che la rende così verace!

 

Circolo Polare Artico – Lapponia. Un inizio d’anno che sa di sogni che si realizzano!

 

 

  1. Viaggiatori, turisti, osservatori, viandanti ma, in fondo,
  2. rimaniamo sempre dei sognatori!
  3. Mi ero ripromessa di iniziare l’anno nuovo facendo ciò che veramente mi rende felice
  4. così ho scelto di dar vita ad uno dei miei sogni di bambina.
  5. Ho scelto di vivere una favola.
  6. Appena abbiamo toccato terra e mi sono trovata avvolta dalla neve lappone
  7. ho sentito gli occhi umidi ed il naso smoccioloso.
  8. Forse perché ci siamo disabituati alla bellezza dei sogni che si realizzano,
  9. del cuore che sussulta, delle lacrime di gioia.

  10. Abbiamo congelato i sentimenti senza arrivare al Polo Nord.

  11. Così ho scelto di iniziare da qui, dallo scongelare il mio cuore su questa neve candida,
  12. dal farmi abbracciare da Babbo Natale,
  13. consegnargli la mia letterina, ascoltare il silenzio degli alberi addobbati e riempirmi il cuore.

  14. Perché questo posto fa davvero bene al cuore.

  15. Veder brillare gli occhi delle persone è energia pura.

  16. Sforziamoci di credere perché se qui cacciano aurore boreali,
  17. noi possiamo cacciare sogni.

  18. La mia prima notte del 2017 la passo in un igloo e se sopravvivo andrò in perlustrazione.

  19. Brindo a me, in un Ice Bar ghiacciato ma pieno di calore.


    1. Lapponia, hai reso magico questo mio inizio d’anno 🌟

 

 

 

    

 

 

 

  1. E’ meglio circondarsi di persone

  2. che hanno girato il mondo

  3. invece di quelle che credono

  4. che il tutto il mondo giri intorno a loro.

 

  1. Stamattina mi è ricapitata tra le note questa frase che avevo salvato chissà quanto tempo fa.
  2. Perché io appunto, segno, prendo nota, per fissare i pensieri ed i momenti che sento veramente miei.
  3. Molto spesso sono i ricordi di viaggio che mi fanno tremare il cuore,
  4. brillare gli occhi, emozionare fino alle lacrime.

  5. Le persone che viaggiano mi sorprendono sempre.

  6. Abbiamo incontrato Sara e Giulia nella zona calda dell’Igloo Hotel
  7. quando il sonno ormai ci aveva travolti ma la paura di scoprire cosa ci aspettasse aldilà della porta ci teneva ancora lì,
  8. a bere thè caldo e biscotti fragranti –
  9. con il silenzio tutto intorno e l’immensa gratitudine per aver avuto la fortuna di iniziare un nuovo anno con il profumo del ghiaccio,
  10. lo scricchiolio della neve fresca sotto i piedi e l’infinito davanti.

  11. Sono convinta che le anime si riconoscano.

  12. Tra decine di persone, noi ci siamo scelte!

  13. Abbiamo guadagnato il certificato per aver dormito all’interno di un Igloo,
  14. quello per aver oltrepassato la linea del Circolo Polare Artico,
  15. il timbro sul passaporto e sulle nostre letterine per Santa Claus.

  16. Abbiamo immortalato i sorrisi del viso ma quelli del cuore,
  17. i migliori,
  18. li abbiamo impressi dentro.

  19. Non mi stancherò mai di lasciarmi sorprendere dall’emozione mentre scrivo,
  20. dalle lacrime che si gelano sul viso quando un attimo diventa eterno.

  21. Non mi stancherò mai di collezionare sogni.
  22.  

 

 

  

 

 

  1. C’è un posto nel mondo dove il cuore batte forte,
  2. dove rimani senza fiato per quanta emozione provi,
  3. dove il tempo si ferma e non hai più l’età,
  4. mentre la mente non smette mai di sognare ( A.M. )

 

 

  1. Attraversare la foresta in motoslitta.
  2. Cercare di accarezzare le corna di Rudolph senza farsi beccare😜
  3. Riscaldarsi intorno al fuoco nella tenda dei Sami,
  4. tra pancakes agli spinaci e salsicce ciccione,
  5. bevendo the caldo e parlando un misto di inglese e greco che i viandanti di oggi erano greci di Atene.

  6. Correre su una slitta trainati da Husky con gli occhi felici.

  7. Respirare a pieni polmoni in capo al mondo.

  8. Respirare il silenzio e la libertà.

  9. Respirarsi.

  10. Sentirsi vivi.

  11. Non mi ero mai guardata dentro così profondamente.

  12. Non avevo mai avuto la consapevolezza che
  13. le lacrime di gioia ci rendono più belli.

  14. Non avevo mai sentito il rumore del mio cuore che batte.

  15. Non è semplice gioia.

  16. Non è semplice emozione.

  17. È pura magia!

 

  1. Continuerò ad inseguire i sogni perché i sogni – molto spesso – si avverano🌟

 

 

 

  1. Secondo una leggenda lappone sono i “fuochi della volpe“,
  2. effetti di luce creati dalla coda di una grande volpe
  3. che colpendo la neve crea scie di colore nel cielo.
  4. Northern Lights, quelle che per noi sono le Aurore Boreali.

 

  1. Esterno notte.

 

  1. Silenzio.

  2. Freddo polare.

  3. Tenda e fuoco acceso.

  4. Attesa.

  5. Come fosse una creatura leggendaria si fa desiderare
  6. ma soprattutto non si fa vedere da tutti.

  7. Qui si va letteralmente a caccia di aurore, hunting lights.

  8. I lapponi mi hanno spiegato che, molto spesso,
  9. ciò che l’occhio nudo non vede la macchina fotografica coglie.

  10. È per questo che cavalletto e reflex sono fondamentali.

  11. È per questo che la pazienza è indispensabile.

  12. È per questo che credere è imprescindibile.

  13. Perché la magia esiste, le cose belle accadono,
  14. la luce arriva quando meno te lo aspetti,
  15. la vita ti sorprende e ti travolge.

  16. Non smettete di credere, di cercare, di sperare.

  17. Molto spesso il meglio viene da lì 💫🌌

 

 

  1. Un viaggio non comincia nel momento in cui partiamo
  2. nè finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta.
  3. In realtà comincia molto prima e non finisce mai,
  4. dato che il nastro dei ricordi continua a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati.
  5. È il virus del viaggio, malattia sostanzialmente incurabile ( R.K. )

 

  1. È stato più di un viaggio.

  2. È stato più di un’avventura.

  3. È stato un sogno che si realizza.

  4. La fiaba che diventa realtà.

  5. La magia che incanta.

  6. La vita che sorprende.

  7. Avremmo bisogno di un ventaglio per le emozioni.

  8. Così da condividerle.

  9. Così da mandarle in circolo.

  10. Così da farci avvolgere.

  11. O, semplicemente, del vento del nord che congeli tanta bellezza ❄️

 

 

 

 

 

  1. Rinascita che potrei anche chiamare svolta.
  2. Ho viaggiato tanto, ho incontrato persone meravigliose.
  3. Mi sono lasciata travolgere dalle emozioni e ho pianto ( moltissimo ) di felicità.
  4. Nel mio girovagare, incontri casuali diventati punti fermi.
  5. Sono grata perchè ciò che mi è stato tolto mi è stato restituito doppio.

  6. Sono felice di aver scelto.

  7. Ad ogni abbandono è corrisposto un nuovo inizio.

  8. Ad ogni allontanamento, nuova linfa vitale.

  9. So di andare controcorrente ma io, questo 2016, l’ho amato.

  10. Bisesto, funesto, ruvido, a tratti incomprensibile ma dopo qualche piccola scaramuccia iniziale,
  11. abbiamo trovato la strada e siamo arrivati fino a qui.
  12.  
  13. Ho trovato in me una forza che non credevo di avere,
  14. ho trovato sostegno silenzioso e mi sono sentita avvolta da quelle meravigliose persone che ho scelto di avere accanto.

  15. È stato l’anno della gioia.

  16. È stato l’anno delle scelte.

  17. È stato l’anno della forza.

  18. È stato l’anno del coraggio.

  19. Vi auguro di avere l’audacia di abbandonare tutto ciò che vi fa stare in bilico e correre nonostante il fiato corto,
  20. di poter respirare a pieni polmoni, di poter correre incontro ai vostri desideri🌟

 

  1. E tu, 2017, non puoi mica far smettere di fluire così tanta bellezza…

 

 

 

 

 

 

  1. L’ Igloo nel quale abbiamo dormito è lo Snowman World

 

  1. Il tour nella foresta lappone,
  2. le gite in slitta con gli husky e le renne, la caccia all’Aurora Boreale
  3. sono stati organizzati da Lapland Welcome

 

  1. Abbiamo mangiato ( da dio ) al Nili Restaurant , al Santamus ( un pezzettino di cuore l’ho lasciato qui ) ,
  2. al Frans&Cherie , all’ Ice Restaurant

 

 

 

  1. Grazie alla vita per avermi dato la possibilità di arrivare fino a qui.
  2. Grazie a Viola by Pullover per avermi tenuta al caldo!
  3. E grazie a voi che mi leggete e mi sostenete.
  4. Sono, semplicemente, felice.

 

 

 

 

Vi racconto del mio Vento del Nord tra Tallinn e Helsinki!

  1. Inizia da qui il nostro viaggio nelle fredde terre del nord.
  2. Sveglia all’alba, aerei da prendere,
  3. scali e valigie che prego arrivino a destinazione
  4. che passare da 18 a – 10 senza tutto il necessaire non è cosa facile.
  5. Siamo passati di qui solo per farci una Heineken🍺 ed un toast 🍞 del fattore
  6. così da non farci sentire la pesantezza degli altri due stop che ci aspettano.

 

  1. Me lo immagino così, il freddo nord.
  2. Distese bianche e silenziose❄️

  3. Poca luce ma travolgente💫

  4. Il cuore che batte forte ed i miei sogni di bambina che si realizzano!

 

 

 

 

 

 

 

  1. Avevo aspettative altissime.
  2. In tanti me ne hanno parlato e tutti se ne sono innamorati.
  3. Abbiamo fatto un viaggio allucinante per arrivarci perché all’ultimo il nostro volo è stato cancellato,
  4. non volevano farci salire su quello successivo, il gate era in chiusura, ma non abbiamo desistito.
  5. Perché Tallinn è un piccolo gioiello che riscalda il cuore, quando passeggiando per le sue viuzze ci si congela naso e dita.
  6. È un misto di antica eleganza con reminiscenze medievali e Wi-Fi dappertutto.

  7. È la sede di Skype.

  8. È un insieme di piccole viuzze decorate che portano alla Raekoja Plats dove troneggia un albero di Natale pieno di luci e profumi natalizi,
  9. baracchette che spadellano sausages e crauti da gustare al volo,
  10. tra Carousel pieni di bambini gioiosi e la Town Hall Pharmacy – la Farmacia funzionante più antica al mondo –

  11. ( tranquilli, non vende solo pozioni!

  12. Ho trovato anche lo spazzolino da denti, grazie a dio, che dimenticarlo a casa è stato un attimo! ).

  13. Oggi abbiamo camminato lungo le vecchie mura della città e preso il trenino 🚂
  14. che ci ha temprato corpo e mente che a – 3 all’aperto c’eravamo solo noi ma vuoi mettere le foto?

  15. Abbiamo mangiato la nostra prima vera pavlova da Majasmokk

  16. Abbiamo raggiunto la cima della collina e goduto della bellezza della città illuminata ai nostri piedi.

  17. Abbiamo cenato prestissimo alla Beer House🍻
  18. ( con tanta, troppa birra in effetti 😬 )
  19. e ci siamo infilati sotto il piumone a leggere e a bere una tisana calda come da miglior tradizione nordica.

  20. Ma soprattutto abbiamo prenotato una sauna per domani pomeriggio che io ce la sto mettendo tutta per rilassarmi ma mi ci vuole il colpo di grazia

 


  1.  

 

 

 

  1. Mi sono sempre chiesta come sia possibile che a casa,
  2. per mangiare due gallette di riso con la marmellata, debba farmi violenza
  3. e ci metta mezz’ora quando alle 7 di mattina anche ogni minuto è prezioso mentre in vacanza mangerei tutto il buffet.
  4. Stamattina mi sono riscaldata con frittata, pavlova e cioccolata calda prima di andare al Kadriorg, la valle di Caterina,
  5. palazzo costruito per Caterina I di Russia, che se passate da queste parti merita una visita.
  6. È un po’ fuori dalle mura e dalla old city ma vale davvero la pena.

  7. Abbiamo passeggiato lungo viali alberati che senza neve mancano sicuramente di romanticismo ma non di personalità.

  8. Da lì siamo tornati sulla collina Toompea che ci ha conquistati ieri sera e che volevamo ammirare alla luce del giorno.

  9. Dal belvedere avremmo dovuto rimirare la città, invece abbiamo scattato selfie come se non ci fosse un domani.

  10. Ma è stato al Christmas Market in Raekoja Plats che abbiamo dato il meglio di noi:
  11. ho comprato addobbi per almeno due generazioni🎄

  12. P.S. Una menzione va al negozio Hää Festi Asi che vende addobbi,
  13. maglioni e ceramiche baltiche meravigliose
  14. ( io ho scovato una renna verde salvia e dei pattini da ghiaccio
  15. per addobbare la Lazy Home che non ho potuto non portare a casa con me.

  16. Lo trovate appena fuori dalla Viru Gate, di fronte al mercato dei fiori! ).

  17. La sauna sul far della sera è stato il toccasana
  18. ( o la mazzata definitiva, dipende dai punti di vista😜 );
  19. avrei anche rinunciato alla cena se non avessimo avuto un appuntamento al Peppersack = calore estone, accoglienza magica, cena medievale.

  20. Ci hanno coccolato come tutti qui perché il popolo estone è più caloroso di quanto si possa immaginare, più affettuoso di quanto si racconti.

  21. Ci hanno addolcito con birra al miele🍺 e Kama Cream che è diventata la mia nuova ossessione.

  22. Ci hanno avvolto l’anima e riscaldato il cuore.

  23. Siamo stati benissimo qui.

  24. Grazie Tallinn , sono certa che ci rincontreremo ❤️

  25. Non vi ho ancora raccontato del vento del Nord…da domani tracciamo nuove rotte…ci si vede a Helsinki 🌟

 

   

 

  1. Di giorno la luce qui al nord dura pochissimo.
  2. Il sole sorge intorno alle 9.30 per tramontare alle 3 pm.
  3. Così ho salutato Tallin con la luce del sole e sono arrivata ad Helsinki che era già buio.
  4. Abbiamo scelto di spostarci con la nave 🚢 che in realtà sarebbe un traghetto
  5. che io invece vedo più come una Costa Crociere con pub, ristoranti, palco per i concerti, supermercato,
  6. negozi che vendono cose improbabili ma soprattutto slot, tante slot.
  7. Slot ad ogni angolo.
  8. { Ho letto un libro contando i minuti all’arrivo perché fatemi prendere tutti gli aerei che volete
  9. ma non cacciatemi sulla Love Boat che mi viene l’ansia.

  10. Tutto quello scintillìo mi stanca😫! }.

  11. All’arrivo, di Helsinki ho notato subito la ruota panoramica🎡,
  12. il vento del nord che ruggisce ancora più forte,
  13. l’ordine e la pulizia ma soprattutto la carenza di spirito natalizio😂🎄🎅🏻

  14. Ecco, io qui mi sento a casa.

  15. Renne illuminate al parco che si mescolano ad eleganti Labrador finlandesi,
  16. alberi che toccano il cielo, viali più luminosi della cometa di Halley💫

  17. Abbiamo cenato prestissimo al Boulevard Social che ormai abbiamo assimilato perfettamente le abitudini nordiche
  18. e alle dieci siamo già nel mondo dei sogni ed è una cosa bellissima.

  19. Domani sarà un giorno impegnativo: dobbiamo conoscere Helsinki
  20. ma soprattutto dobbiamo salutare come si deve questo strano, difficile, a tratti odioso ma comunque importante anno.

  21. Non l’avrei mai detto ma il vento del nord comincia a scaldarmi il cuore 🌟 

 

 

 

     

 

 

 

  1. Non riesco a smettere di cercare e cercare e cercare.
  2. Cercare per scoprire nuove strade, nuove prospettive, nuovi sapori.
  3. Oggi abbiamo battuto Helsinki via terra, via mare e via cielo😁.
  4. Siamo saliti sulla SkyWheel per poter guardare la città distesa e pianificare quest’ultima giornata dell’anno dall’alto:
  5. le guglie delle chiese come perimetro, i luoghi da visitare, le dita a tracciare nuovi percorsi, le strade da percorrere.
  6. Freeze.

  7. Un momento di noi lassù.

  8. Bianco e nero cosicché il tempo non lo possa sbiadire.

  9. Siamo scesi e abbiamo galoppato tra negozi pieni di meraviglie finlandesi,
  10. addobbi natalizi che ( in tanti ) sono venuti a casa con me,
  11. ci siamo riscaldati con cioccolata calda e chiacchere.

  12. Abbiamo navigato fino a Soumenlinna Island che se venite qui non potete non visitare.

  13. All’ Old Market Hall abbiamo brindato con Coca Zero e falafel.

  14. Adesso siamo pronti ad uscire.

  15. Non sappiamo cosa faremo, dove andremo, con cosa brinderemo.

  16. Potrebbe essere un’altra Coca Zero ma poco importa, abbiamo gli occhi che brillano🌟

 

 

 

 

 

 

Go Customized firma la mia cover più bella!

 

  1. Cover? Hai detto cover?

 

  1. Sorprese del lunedì.
  2. Non piove ma si sta preparando per.
  3. Agenda alla mano che l’organizzazione è tutto.
  4. Litri di caffè e una cover mia e solo mia😍

  5. Le gioie arrivano inaspettate e a volte servono semplicemente a vestire l’iPad.

 

Grazie Go Customized!


  1. Grazie perché adesso per me è la fine, le voglio tutte!
  2. Grazie perchè la mia cover è morbida, delicata, shabby.
  3. Grazie perchè da oggi ho i miei colori, il mio logo, il mio cerchio fiorito sempre con me!

 

  1. Se volete dare un’occhiata o se volete personalizzare le vostre cover cliccate su questi link,
  2. sono certa che conquisteranno anche voi:

 

 

 

  1. Cover Personalizzate: www.gocustomized.it

  2. Cover Personalizzate per iPad: www.gocustomized.it/ipad/ipad-air/cover

 

 

 

 

Christmas Tree Cioccolatoso!

 

  1. Arriva la Vigilia di Natale e mi ritrovo a correre e a rincorrere:
  2. ultimi regali da comprare, la lista della spesa che, giuro, ero certa di aver aver completato.

 

  1. I tortellini che anche quest’anno saranno quelli di Giovanni Rana perchè ho organizzato tutto,
  2. anche il tirapasta ma il tempo, quello,
  3. non sono riuscita a trovarlo.
  1. I biscotti natalizi di Agata che non possono e non devono mancare.
  2. Il calendario dell’Avvento e l’ultima finestrella che apro oggi.
  3. La colazione della vigilia con quell’amica che è anche sorella e che dopo quasi 20 anni,
  4. ritrovo al mio tavolo in una mattina di sole.
  1. Caffelatte fumante, tazze natalizie,
  2. IL pigiama color albicocca che mi riporta a quegli anni spensierati che non torneranno più
  3. ma che ci hanno fatto diventare quelle che siamo.
  4. Questo momento, proprio questo, è il mio regalo di Natale.
  5. Una serenità che è difficile da tradurre a parole, la gioia mentre ci trucchiamo prima di uscire,
  6. i ricordi, le emozioni, la consapevolezza che se ci credi tutto si supera e tutto torna a brillare.
  7. Buon Natale gente, che possiate splendere, sempre.
  8. { e tu lassù, sono certa che sei orgoglioso di noi due qui }

 

 

 

  1. Tempi stretti, dolce veloce…ecco a voi un’idea flash!!!

 

 

 

  1. Ingredienti:
  2. 2 confezioni di pasta sfoglia
  3. Nutella e/o crema di nocciole
  4. M&M’s
  5. Zucchero a velo

 

 

Procedimento:

  1. Super mega facilissimo.
  2. Seguite le foto,
  3. metteteci il cuore e ne nascerà l’albero più bello del mondo 😉

 

 

img_4603 img_4604img_4605 img_4608img_4609img_4611img_4610img_4613img_4619img_4617img_4620img_4633

Edimburgo e Highlands: un lungo weekend di bellezza e magia!

 

 

 

 

  1. Ci hanno accolto il castello illuminato da un tramonto fiabesco,
  2. le cornamuse in una Victoria Street addobbata e Natale tutto intorno

🎄

    1. Ci hanno accarezzato con quella dolcezza scozzese che sa di biscotti al burro e thè caldo,
    2. di bigliettini a cena,
    3. di fish&chips e fiumi di birra,
    4. di maglioni che solo Mr Darcy,
    5. di caminetti azzurro cielo e sorrisi sinceri.
    6. Ci hanno fatto sentire subito a casa.
    7. Ci siamo innamorati al volo.
    8. Fa freddissimo, ogni tanto piove ma, in fondo, rain is just confetti!

 

15178196_1169615743116299_903253058383599569_n15241417_1169615726449634_1572528117038090012_n15178995_1173376862740187_541401541231371971_n15203202_1173376526073554_990773322260218188_n15202651_1169615763116297_6098996277428031236_n15241425_1169615809782959_3514521564409717231_n15253535_1169615916449615_3036843539263453595_n

 

 

 

  1. Prima domenica di Avvento.
  2. Non ho potuto preparare la mia corona ma ho ammirato panorami mozzafiato, lande deserte e laghi silenziosi.
  3. C’è così tanta bellezza in terra scozzese da lasciarmi senza parole.
  4. Partire per un weekend di shopping, birra e relax a Edimburgo e trovarsi a cercare Nessie.
  5. È magia

 

 

  1. 🌟

 

 

  1. Magia per le strade, nei vicoli, tutto intorno.

 

 

  1. 15232324_1172249539519586_5762384962346638658_n15232214_1172249552852918_1073633926540297245_n15181413_1172249562852917_4074964138536397604_n15136009_1172249572852916_5364935072954713962_n15267996_1172249582852915_2420904246241803192_n15219471_1172249596186247_1945713600518037254_n15283979_1172249609519579_4656431664067951483_n15203335_1172249682852905_6671297709315303162_n 15203271_1172249702852903_596694129632942570_n15179060_1172249662852907_8898285554651781976_n

 

  1. Mi è stato detto che mi innamoro di ogni città che visito.
  2. Che mi lascio travolgere dalla bellezza, sempre.
  3. Che sono entusiasta, sempre.
  4. Ma ditemi, potrebbe essere il contrario?
  5. A Edimburgo c’è profumo di pop-corn nell’aria ma soprattutto c’è un sole inaspettato per una Scozia solitamente piovosa.

  6. E poi c’è il Natale che ha già inondato la città.

  7. È nella musica per le strade, nei pub che sanno di birra e canzoni natalizie,
  8. nei tramonti rossi come il vestito di Santa Claus, nei peluche scozzesi che ci aspettano a letto ogni sera,
  9. nella gioia dei bambini che corrono in Grassmarket Place, nei miei occhi che vedono la bellezza dappertutto, sempre.

  10. Perché è vero, io la bellezza non voglio smettere di cercarla, non voglio accontentarmi, non voglio smettere di credere che il bello è tutto intorno.

  11. Credere, questo è il segreto.

  12. A Babbo Natale, a Harry Potter, ai sogni, alle favole, alle stelle, alla magia, alla bellezza.

  13. Solo, semplicemente, credere

 

 

 

  1. 🌟

 

 

 

15253560_1173376529406887_8845066184990755636_n15202602_1173376702740203_2251366915773263327_n 15192789_1173376756073531_2243245501504679155_n15241425_1173376706073536_3096812512932572521_n15178115_1173376749406865_888820147710315413_n15220160_1173376829406857_5445760403225018996_n15232079_1173376799406860_5659801021059161233_n15241747_1173376852740188_3678713171721196439_n15253577_1173376959406844_4645816853104634162_n

 

  1. Abbiamo cenato in posti meravigliosi e mangiato, inaspettatamente, benissimo.
  2. Questa cosa che in Great Britain si mangia male qui non attacca.
  3. Se siete di passaggio ( e cercate di passarci perchè è una terra meravigliosa! ),
  4. noi siamo stati qui:

 

 

 

  1. DEACON BRADIE’S TAVERN:
  2. tipico Brit Pub sulla Royal Mile.
  3. Atmosfera del XVII secolo,
  4. quando William Brodie era un rispettato cittadino, di giorno, 
  5. mentre la notte si accompagnava ai peggiori elementi della Edimburgo del tempo
  6. fino a finire sulla forca.
  7. A lui sono ispirate le opere del “Dottor Jekyll e Mister Hyde”.
  8. Qui abbiamo mangiato il miglior fish&chips della città
  9. ed insieme al conto ci hanno fatto trovare un tenerissimo biglietto di ringraziamento
  10. per aver scelto di cenare lì 🙂

 

 

15232250_1169615866449620_501874040563934542_n15109499_1169615789782961_779575529889057516_n 15135949_1169615813116292_7149062645943116921_n1 2

 

 

 

  1. TONY SINGH’S RESTAURANT:
  2. ristorante bistrot all’interno del nostro hotel, l’Apex Grassmarket Hotel in Grassmarket Place.
  3. Non sono solita cenare in hotel ma al rientro dai 2000 km alle highlands
  4. eravamo talmente ko che già arrivare downstairs mi è parso un successo.
  5. L’hamburger gourmet una delizia, le chips al formaggio strepitose, la birra eccezionale. 
  6. Frequentato moltissimo anche da non ospiti dell’hotel e capisco il perchè.

 

 

img_3561 img_356315203237_1173376969406843_197210934894544520_n

 

 

  1. THE WITCHERY by The Castle:
  2. ho tentato di prenotare dall’Italia prima di partire,
  3. dall’aeroporto all’arrivo a Edimburgo,
  4. di persona, con il sorriso e con l’incazzo.
  5. Non c’è stato verso.
  6. Troppo tardi.
  7. Se vi muovete con un pò di anticipo sappiate che merita ASSOLUTAMENTE una visita.
  8. Se ci andate a pranzo, siete vicinissimi al Castello che è un must ad Edimburgo!

 

 

15178115_1173376749406865_888820147710315413_n15241425_1173376706073536_3096812512932572521_n

 

  1. THE ELEPHANT HOUSE:
  2. meta di pellegrinaggi da parte di fan da tutto il mondo.
  3. Un piccolo tempio per gli amanti di Harry Potter, che è nato qui.
  4. J.K. Rowling ci ha soggiornato durante la scrittura della saga magica.
  1. Entrarci è una scomessa.
  2. Trovare un tavolo un 6 al Super Enalotto.
  3. Ma vuoi mettere la magia?

 

76

 

 

  1. La mattina dell’ultimo giorno l’abbiamo dedicata al Mary King’s Close.
  2. ANDATECI.
  3. Accanto alla Royal Mile, è una strada sotterranea che racconta la Edimburgo del XVI e XVII secolo,
  4. con i suoi misteri, la sua magia, le sue storie di fantasmi, di epidemie di peste, di vita quotidiana.

 

91114

 

 

  1. E’ stato un weekend improvvisato,
  2. un weekend tra Highlands da film,
  3. pecorelle scozzesi,
  4. morbido Cachemire, paperelle a bordo vasca e orsetti coccolosi sul cuscino.
  5. Se non ci siete ancora stati, fatelo.
  6. Prenotate un volo low cost e partite.
  7. L’avevo sottovalutata, la Scozia, invece mi ha conquistata.

 

  1. Joys because much joy is better!

 

 

121015181342_1173377006073506_1864506816709024178_n171520

Beauty Tips – Darphin – Lumière Essentiel – Holidays Editions!

 

  1. Le renne, la neve silenziosa ed i colori dell’Aurora Boreale.
  2. Il mio sogno di bambina si realizzerà a Capodanno quando,
  3. finalmente,
  4. volerò in terra lappone per assaporare la bellezza della natura con i suoi colori e la sua luce.

 

  1. Ho detto luce???
  2. Sì, proprio luce!

 

  1. Quella luce che nelle mie foto conquisto a suon di filtri e Instagram e Hellocamera e Photoshop tutti insieme
  2. per riuscire ad avere una pelle luminosa – molto spesso senza riuscirci! –
  3. e sembrare sana ai posteri che sfoglierenno i miei vecchi album

 

  1. { vedi foto qui sotto,
  2. dove sembro avvolta da una luce tanto paradisiaca quanto innaturale }

 

  1. Quella luce che ormai, ad autunno inoltrato,
  2. ci saluta alle 4 del pomeriggio per tornare a far capolino appena il giorno dopo.
  3. Quella luce che, dicono, sia vita.
  4. Quella luce che ci fa sentire più allegri, gioiosi, vitali.
  5. Quella luce che ci rende radiosi.
  6. Quella luce così difficile da ottenere.

 

 

IMG_7220

 

  1. Navigo in rete alla ricerca di cose belle da fare per prepararmi al mio imminente weekend scozzese
  2. – tra Edimburgo, Loch Ness e le Highlands.
  3. Luoghi magnifici, magici direi.
  4. Ma di quanta magia avrò bisogno quando, al rientro, dovrò editare le foto per il blog?

 

  1. Affascinata dal trattamento Lumière Essentielle che si compone di una crema gel in olio illuminante ed un siero in olio illuminante 
  2. che aumentano l’idratazione, illuminano e danno un aspetto radioso al viso decido che è il momento di tentare la sorte
  3. e partecipare al concorso per diventare brand ambassador di Darphin tramite Grazia.it – Blogger We Want You –

 

  1. Una fantastica miscela di olii essenziali
  2. tra cui zenzero ( ne faccio un uso smodato, lo ammetto, ma fa bene per tutto! ),
  3. mandarino ( che fa subito Natale! ),
  4. fiori d’arancio, rosa, neroli, ylang ylang e legno di cedro.
  5. E poi quel magnifico olio con le sue 7000 perle microincapsulate ed il siero cristallino
  6. che si fondono ad ogni erogazione per idratare e illuminare la pelle fin dalla prima applicazione.
  7. Una miscela di cui ho assoluto bisogno.

 

  1. Dal momento che credo che ci sia magia nella luce,
  2. come nel cuore di chi sceglie di credere,
  3. io ci credo forte forte …che magari riesco ad entrare nel magico mondo di Grazia.it
  4. e diventare luminosa come la cometa che illumina il mio Xmas Tree 😉 

 

 

Crunch Chocolate Cake!

 

  1. Per me che non amo il cioccolato questa è stata una vera scoperta.
  2. Semplicissima, veloce, croccante e buona da far paura!
  3. L’ho assaggiata, la prima volta, durante una delle nostre cene “magiche”.
  4. Una di quelle cene fatte di chiacchere, spadellamenti , vino e risate.
  5. E’ tutta opera di Andrea, l’artista del mio cuore,
  6. che tra un quadro e l’altro mescola cornflakes e cioccolato fuso con la stessa passione con cui colora le sue tele.
  7. Riuniti nella sua cucina arancione – micetti magici compresi –
  8. con un mestolo home made personalizzato,
  9. la Crunch Chocolate Cake prende forma e dà calore ad un freddo sabato pomeriggio di novembre.

 

 

img_2733

 

 

 

 

  1. Ingredienti:
  2. cioccolato 
  3. cornflakes
  4. rhum 
  5. granella di cocco 

 

 

 

  1. Preparazione:

 

  1. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria ( al latte o fondente non importa, è buona comunque! ).
  2. Una volta sciolto, aggiungere un pò di rhum ed i cornflakes.
  3. Mescolare facendo attenzione a non romperli fino a quando saranno tutti coperti dal cioccolato.
  4. A quel punto, stendere su una teglia i cornflakes cioccolatosi e mettere a raffreddare fino a che il tutto non si solidifica.
  5. Cospargere di granella di cocco, stendersi sul divano, spezzare la Crunch Cake e degustare fino alla nausea.

 

 

( uno dei segreti di questa torta sono le dosi: totalmente ad occhio ma sbagliare è quasi impossibile! ).

 

 

 

img_2695 img_2700 img_2702 img_2703img_2707img_2711img_2713img_2714img_2779fullsizerender

Per continuare a navigare in questo sito devi accettare l'utilizzo dei cookies. più informazioni

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Chiudi