MissMess

MissMess

Life, Love, Passion

Tag: cucina

Pollo al curry e banane!

  L’amore è come la buona cucina: le cose speciali nascono sempre da ingredienti semplici, ma sono rese magiche dalla fantasia… P.M.     Il pollo al curry è in…

 

L’amore è come la buona cucina: le cose speciali nascono sempre da ingredienti semplici, ma sono rese magiche dalla fantasia…

P.M.

 

 

Il pollo al curry è in assoluto uno dei miei piatti del cuore.

Uno di quelli che sfodero al primo invito a cena.

Uno dei miei cavalli di battaglia.

Una delle certezze nella mia lazy kitchen.

 

Per un lungo periodo ho voluto anche credere che fosse dietetico

che più sano di pollo, riso bianco e frutta non ce n’è.

Poi mi hanno fatto notare che la quantità di olio d’oliva e di panna che uso

chiama esami del sangue il giorno dopo ma vuoi mettere la lussuria?

 

Su consiglio di un’amica di mia madre che ha vissuto vent’anni in Sudafrica,

lo accompagno con la banana ma non commentate prima di provare

 – solo una persona ha osato dirmi che le banane al lato del piatto 

non le può proprio vedere

ma non ha ancora mai assaggiato il mio pollo al curry

perciò non fa testo – 

 

Gli altri, tutti, se ne sono innamorati e mai più senza.

 

Ora passiamo all’azione che quando si tratta di cibo

le chiacchere stanno a zero.

 

 

 

 

Ingredienti:

 

per 3 persone

petto di pollo ( ca 300 gr )

1 scalogno grande

sale qb

pepe qb

curcuma qb

curry qb ( io abbondo sempre che mi piacciono i sapori forti )

olio Evo qb

panna 200 gr

1 banana grande

riso basmati 200 gr ca

 

 

 

Procedimento:

 

In una padella antiaderente aggiungere l’olio e soffriggere lo scalogno fino a renderlo dorato.

Nel frattempo tagliare i petti di pollo a filetti o a cubetti, come preferite.

Io preferisco pezzi più grandi e grossolani.

Allo scalogno aggiungere il pollo,

la curcuma,

il sale,

il pepe;

dopo qualche minuto aggiungere il curry e lasciar andare a fuoco lento.

Le dosi, ahimè, non sono il mio forte.

Vado a occhio e a naso.

E finora mi è sempre andata bene!

Inoltre aggiungo sempre una noce di burro perchè,

checchè se ne dica, 

il burro sta bene ovunque

e rende tutto vellutato.

Una volta completata la cottura aggiungere la panna ( tanta )

e lasciar andare ancora per qualche minuto finchè

non si crea una crema abbastanza compatta da avvolgere il pollo

ma sufficientemente liquida per condire il riso.

 

 

 

 

Cuocere il riso basmati, scolarlo e servirlo tiepido

( a me piace freddo ma ho notato che siamo in pochi ad apprezzarlo ).

 

Impiattare guarnendo con la banana e poi,

a seconda di quanto siete coraggiosi,

mescolare tutto per unire i sapori.

 

Vi assicuro che nulla sarà più come prima 😉

 

 

Nessun commento su Pollo al curry e banane!

Lievito di birra homemade!

    Ci sono situazioni si viene travolti da una voglia irrefrenabile di pizza ma il lievito è introvabile. Ebbene, questo è uno di quei momenti. Per questo ho deciso…

 

 

Ci sono situazioni si viene travolti

da una voglia irrefrenabile di pizza

ma il lievito è introvabile.

Ebbene, questo è uno di quei momenti.

Per questo ho deciso di fare, per la prima volta, il lievito homemade.

 

Il procedimento è facilissimo, il risultato perfetto!

 

Ingredienti:

Farina 1 cucchiaio e mezzo

Zucchero 1 cucchiaio e mezzo

Birra doppio malto 150 ml

 

 

 

 

Procedimento:

Semplicissimo.

In una ciotola mescolare farina e zucchero.

Aggiungere la birra mescolando con una frusta o una forchetta.

Il composto risulterà molto liquido

perchè la quantità di birra lo rende liquido

rispetto alla quantità farina e allo zucchero.

Lo zucchero serve ad attivare i lieviti contenuti nella birra.

Una volta pronto,

coprire la ciotola con una pellicola

e far riposare il composto per una notte intera

( o anche di più. Più riposa, meglio è! ).

Dopo una notte il composto si separerà in una parte liquida superficiale

ed una solida sottostante.

Eliminare la parte liquida et voilà,

il lievito è pronto!

Ora vado a fare la pizza e vediamo cosa ne esce 🙂

P.S. Potete conservarlo in frigorifero fino a 24 h oppure congelarlo e conservarlo in freezer.

 

 

Nessun commento su Lievito di birra homemade!

Alla ricerca del gusto giusto per Oro in Cantina che sta per inaugurare!

      Succede che un giro per cantine sia profetico. Succede che un progetto coinvolga talmente tanto che è impossibile non farsi coinvolgere. Succede che Oro in Cantina che aprirà…

 

 

 

  1. Succede che un giro per cantine sia profetico.
  2. Succede che un progetto coinvolga talmente tanto
  3. che è impossibile non farsi coinvolgere.
  4. Succede che Oro in Cantina che aprirà prestissimo in città abbia assolutamente bisogno di pianificare, testare, assaporare.
  5. Succede che il menù diventi l’anello di congiunzione.
  6. Succede che ci si riunisca ( di nuovo ) ed è subito ( e di nuovo ) magia!

 

  1. Ci ospita la Locanda alla Beccherie dove ormai ci sentiamo a casa.
  2. Francesca ci accoglie nel suo regno ed è un tripudio di piantine aromatiche, limoni, sorriso travolgente e cuore.

Quel cuore che poi metteremo in ogni assaggio ed in ogni brindisi!

 

DSC_1175DSC_1189DSC_1161DSC_1199DSC_1164DSC_1152DSC_1341

 

 

 

  1. Insieme allo Chef Marco Costanzo,
  2. a Marco di Oro in Cantina che non vedo l’ora di vedere aperta,
  3. a me che degusto con gusto,
  4. un sacco di amici che insieme tutto ha un altro sapore.
  5. Noi si brinda mentre Marco spadella.
  6. Il menù dice polipo, cheviche e guacamole.
  7. Il miglior guacamole che io abbia mai mangiato!
  8. Un guacamole che ancora sogno la notte.
  9. Un guacamole di cui sono riuscita a sgraffignare la ricetta 😉

 

 

DSC_1153DSC_1240DSC_1235DSC_1154DSC_1322DSC_1196

 

 

 

  1. Ad onor del vero anche il polipo scottato con semi di zucca, barbabietola, capperi, sarde e mousse di caprino ha fatto la sua porca figura.
  2. Come la cheviche con dentice, peperone, cetriolo, pomodoro, coriandolo e cipolla di Tropea.
  3. Ma mai, e dico mai, come il guacamole che appropriarsi della ricetta era cosa necessaria e che condivido con voi!

 

 

DSC_1180DSC_1221DSC_1230DSC_1306DSC_1311

 

  1. E poi c’è stato il solito inghippo dell’ultimo minuto che ha rischiato di lasciarci senza fotografo
  2. perchè Felice, il mio fedelissimo, ha dato forfait suo malgrado!
  3. Chiamare Linda de Le Vie delle Foto è stata un’illuminazione.
  4. E’ così che ho incontrato Mia Madrid che ha scattato delle foto meravigliose
  5. e che ci ha fatto calare tutti in un’atmosfera caliente, sudamericana, perfetta da abbinare al guacamole e ai tanti calici di vino 😉

 

 

 

DSC_1344DSC_1343

 

 

 

  1. Ed ora GUACAMOLE, a noi!

  1. Ingredienti: 

 

  1. 3 avocado maturi
  2. 1 pomodoro
  3. 1 scalogno tritato
  4. peperoncino q.b.
  5. olio d’oliva q.b.
  6. sale e pepe q.b.
  7. il succo di un lime

 

 

  1. Marco dice che il segreto sta nella maturazione dell’avocado.
  2. Ma non fate come me, ovvero comprando una carriola di avocado e aspettando che maturino. 
  3. No.
  4. Bisogna acquistarli già pronti all’uso.
  5. Una volta svuotato l’avocado,
  6. non rimane altro che unire tutti gli ingredienti e servire.

 

 

 

DSC_1267

 

 

 

  1. Ph.   Mia Madrid Photography

 

 

    1. Facebook ->https://www.facebook.com/www.miamadrid.es
Nessun commento su Alla ricerca del gusto giusto per Oro in Cantina che sta per inaugurare!

La farinata genovese della Fra – the one and only in un sabato carnevalesco!

    In un sabato carnevalesco, mascherate perché noi vogliamo essere sul pezzo, impastiamo biscotti e farina di ceci tra tulipani bianchi e qualche calice di Clavesana Dogliani che la…

 

 

  1. In un sabato carnevalesco,
  2. mascherate perché noi vogliamo essere sul pezzo,
  3. impastiamo biscotti e farina di ceci
  4. tra tulipani bianchi e qualche calice di Clavesana Dogliani
  5. che la nanetta ha imparato a stappare per noi.
  6. Rovinati da piccoli o educati fin da piccoli? 

 

 

 

 

 

 

image

image

image

  1. La vera farinata genovese

 

  1. La bibbia della cucina della Fra.

 

  1. Una dei suoi punti di forza

 

  1. – pochi dolci ma in fatto di salato, la sua farinata resta imbattibile –

 

    1. Lei la cucina così: provatela e poi ne discutiamo 😉

 

image

image

image

 

 

INGREDIENTI:

  1. 250 gr di farina di ceci
  2. 900 ml di acqua
  3. sale qb
  4. mezzo bicchiere di olio evo

 

 

image

image

 

 

 

 

PROCEDIMENTO:

 

 

Unire la farina e l’acqua.

Mescolare usando le fruste o un cucchiaio di legno fino ad eliminare tutti i grumi.

Aggiungere il sale.

Versare nel testo ( teglia di rame stagnato di 40 cm ),

aggiungere l’olio ed infornare alla massima temperatura fino a doratura

( ca 35 min ).

E dulcis in fundo, fetta – quintale di stracchino – altra fetta e se magna!

S T R E P I T O S A!

image

imageimage image imageimage

image

image

image

 

Nessun commento su La farinata genovese della Fra – the one and only in un sabato carnevalesco!

Strudel di Mele al profumo di Cannella e Grand Marnier!

      Un rientro al cardiopalma da una Svezia nevosa e zen! Nella Lazy Home la frutta sopravvissuta al Natale mi accoglie stanca🍏🍎🍒 Soprattutto le mie mele, ormai sulla…

 

 

 

  1. Un rientro al cardiopalma da una Svezia nevosa e zen!
  2. Nella Lazy Home la frutta sopravvissuta al Natale mi accoglie stanca🍏🍎🍒
  3. Soprattutto le mie mele, ormai sulla via della dipartita, perciò uno strudel con la ricetta della nonna è ciò che ci vuole.
  4. Confesso che normalmente uso la pasta sfoglia del buon Giovanni Rana ma stavolta, essendone sprovvista, ho deciso di fare anche quella.
  5. Primo tentativo.
  6. Primo successo!
  7. Impasto, tagliuzzo, soffriggo ed in un attimo è profumo di cannella, rum e di uva passa.

 

 

  1. Ingredienti per l’impasto:

 

  1. Farina 125 gr
  2. Olio extra vergine d’oliva 1 cucchiaio
  3. Uova 1 grande
  4. Acqua tiepida 30 ml
  5. Sale 1 pizzico

 

  1. Procedimento per l’impasto:

 

  1. In una ciotola versare la farina, l’olio, l’uovo, l’acqua ed il sale.
  2. Impastare tutto energicamente ed una volta ottenuta una pasta liscia ed elastica formare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e metterla a riposo al fresco per ca mezz’oretta
  3. ( in inverno io la metto sulla finestra controllando a vista il mio peloso 🙂 !!! ).

IMG_8260IMG_8259

  1. Ingredienti per il ripieno:
  1. Mele 3 
  2. Pinoli 30 gr
  3. Limone 1 ( succo e scorza )
  4. Zucchero 60 gr
  5. Uvetta 50 gr
  6. Burro 100 gr
  7. Cannella in polvere 1 cucchiaio
  8. Rum o Grand Marnier 2 cucchiai
  9. Pangrattato 80 gr

 

  1. Procedimento per il ripieno:

 

  1. Prima di iniziare, mettere in ammollo l’uva passa nel rum o nel Grand Marnier.
  2. Poi tagliare a cubetti le mele.
  3. Saltare il pangrattato nel burro a fuoco lento.

IMG_8261IMG_8251

  1. Unire tutti gli ingredienti in una ciotola e mescolare per bene.

 

  1. Stendere la pasta con un matterello di legno fino ad ottenere una sfoglia molto sottile ed uniforme.

 

IMG_8253IMG_8262

  1. Infine riempirla con il ripieno, richiuderla ed infornare a 200 gradi per circa 40 minuti ( forno statico preriscaldato! ).
  2. Una volta sfornato e raffreddato inondarlo di zucchero a velo.

E’ buonissimo da solo ma anche accompagnato da crema pasticcera, panna fresca o cioccolato fuso!

IMG_8256

  1. P.S. Se avete un po’ di tempo andate a dare un’occhiata alla storia dello Strudel su Wikipedia
  2. ( link qui sotto! ).

E’ interessante vedere come si è evoluto quello che da noi chiamiamo strucolo de pomi 😉

https://it.wikipedia.org/wiki/Strudel

Nessun commento su Strudel di Mele al profumo di Cannella e Grand Marnier!

La torta di carote, uno dei miei dolci del cuore!

La torta di carote di Anna è, insieme alla rollata di fragole e la panna cotta, uno dei miei dolci preferiti. Non l’avevo mai fatta prima di San Nicolò. A…

  1. La torta di carote di Anna è, insieme alla rollata di fragole e la panna cotta,
  2. uno dei miei dolci preferiti.
  3. Non l’avevo mai fatta prima di San Nicolò.
  4. A Natale, dopo il successo clamoroso riscontrato al primo tentativo,
  5. l’ho presentata come dessert dopo una magnata da olimpiade.
  6. Come il cacio sui maccheroni.
  7. Come il limone sulle cozze.
  8. La ciliegina sulla torta,
  9. ovvero il mattone che ha autorizzato tutti gli invitati a sfoderare l’Alkaseltzer.
  10. Ebbene,
  11. è più facile di quanto sembri ma soprattutto si sposa perfettamente con la
  12. marmellata,
  13. la Nutella, la panna, e con tutto ciò che di calorico esiste sulla faccia della terra.
  14. È perfetta a colazione, per un pranzo veloce e sano, con il thè delle 5,
  15. dopo una cena leggera.
  16. Non ho ancora incontrato qualcuno a cui non sia piaciuta❤️

 

Ingredienti: 

  1. 5 uova ( dividere tuorli e albumi )
  2. 250 gr Zucchero
  3. 200 gr Mandorle
  4. 250 gr Carote
  5. 100 gr Farina
  6. 10 gr Lievito
  7. 50 gr Frumina
  8. 1 limone + scorza
  9. 1 bustina Zucchero Vanigliato
  10. Olio di semi qb

 

 

  1. Procedimento:

 

  1. Sbattere i tuorli aggiungendo 2/3 zucchero, lo zucchero vanigliato, il sale, la scorza limone ed il succo di limone.

 

imageimageimage

  1. Aggiungere le mandorle e le carote precedentemente tritate.
  2. Mescolando aggiungere la farina, il lievito, la frumina.
  3. Montare a neve gli albumi.

 

image

 

  1. Aggiungere il bianco d’uovo montato al resto dell’impasto e versare l’olio di semi fino ad ottenere un composto morbido morbido ( 200 ml ca ).

 

 

image

  1. Infornare a 180 gradi per 40 min. circa.

Io mi affido alla prova stuzzicadente: se lo infilo ed esce liscio, la torta è cotta al punto giusto 😉

Cospargergetela di zucchero a velo e poi guarnite con ciò che più vi piace 🍰

 

image

image

image

 

Nessun commento su La torta di carote, uno dei miei dolci del cuore!

Type on the field below and hit Enter/Return to search