MissMess

MissMess

Life, Love, Passion

Categoria: Around

Un inizio d’anno in una Stoccolma innevata che mi fa tremare il cuore tra renne e fiocchi di neve silenziosi!

Stesso Aeroporto e stesso Wine Bar che ogni tanto le abitudini riscaldano. Cappuccio doppio al posto del Rosè e muffin anzichè mantecato. Un Blackberry di troppo ma in fase di…

  1. Stesso Aeroporto e stesso Wine Bar che ogni tanto le abitudini riscaldano.
  2. Cappuccio doppio al posto del Rosè e muffin anzichè mantecato.
  3. Un Blackberry di troppo ma in fase di spegnimento.

 

IMG_7642

  1. Già organizzata la cerimonia per l’incoronazione al mio rientro che ormai sono la regina della valigia
  2. Al Check In il rigore tedesco della signorina della Lufthansa è andato a quel paese al mio scattare foto alla bilancia pesa bagaglio ma
  3. • please, let me celebrate •
  4. che molto probabilmente non succederà più!

 

IMG_7639

 

  1. E non vedo l’ora di essere al freddo.
  2. Di indossare soffici maglioni di lana.
  3. Di avvolgermi in grandi sciarpe colorate.
  4. Di bere vin brûlé bollente.
  5. Di sentire la neve scendere silenziosa mentre cammino col naso all’insù.
  6. Di accarezzare una renna svedese.
  7. Di dedicarmi a letture impegnate prima di addormentarmi sotto al piumone.
  8. Di svaligiare L’Ikea, the only and first one!
  9. Di svaligiare H&M, the only and first one pure lui!
  10. Di vivere svedese!
  11. Di mangiare svedese!
  12. Di festeggiare svedese!
  13. Stoccolma, sto arrivando!

 

IMG_7637IMG_7515

 

 

  1. Ottimo inizio.
  2. Ci accolgono una pista di atterraggio innevata ed un silenzio molto svedese.
  3. In tutto l’aeroporto l’unica cosa rumorosa sono io
  4. Già la amo questa città ( e che non mi si dica che sono troppo entusiasta perché una vita senza entusiasmo non la voglio !!! ).
  5. Amo la gentilezza svedese.
  6. Il sorriso svedese.
  7. Le polpette e la marmellata svedesi.
  8. Il loro restituirmi dei danari perché viaggiando in due in treno e comprando un unico biglietto possiamo risparmiare quasi la metà.
  9. Penso di essere su Scherzi a Parte invece è semplicemente gentilezza svedese.
  10. Una città che brilla di finestre illuminate, tutte.
  11. Un sorriso a 52 denti alla reception dell’hotel che pare aspettassero proprio noi.
  12. Finalmente il mio maglione natalizio ha espatriato e già so che in questa terra darà il meglio.
  13. Una terra di coperte di pile sulle sedie dei bar.
  14. Di letti con doppi piumoni, sotto e sopra, che avvolgono come il più romantico degli abbracci e che portano solo sogni belli.
  15. Oggi mi addormento con uno dei miei pigiami preferiti, con una renna sul cuore❤️
  16. Today is your day mi hanno detto al mio arrivo.
  17. Ci voglio credere.
  18. Buona notte Stoccolma, non vedo l’ora che arrivi domani per conoscerci

 

 

IMG_7654IMG_7668IMG_7656IMG_7670

 

 

 

  1. Risveglio innevato e colazione in pigiama e Ugg.
  2. Tanto yogurt e tanto muesli.
  3. Tantissimo succo di mela.
  4. Ma anche tanto bacon ed un ovetto alla coque che mi fa tornare bambina,
  5. quando la domenica mattina la mia mamma me lo preparava ed ogni volta era coquescommessa:
  6. sarà morbido al punto giusto o sarà perfetto per un’insalatina?

 

 

  1. IMG_7716 IMG_7715
  2. IMG_7674IMG_7685IMG_7680FullSizeRenderFullSizeRender 2

 

 

 

  1. Rosso il colore di queste giornate svedesi.
  2. Come le mie unghie, il mio balsamo labbra al melograno ed il mio cuore felice ❤️.

 

 

IMG_7657IMG_7661

 

  1. Quest’anno, per me, è stato bellezza, amicizia, crescita, cambiamento, viaggio.
  2. Soprattutto viaggio.
  3. Nel mio girovagare, incontri casuali diventati punti fermi.
  4. Amici di una vita che la vita stessa ci ha allontanati ma il bello è anche questo.
  5. Strade a doppia corsia che improvvisamente diventano sensi unici.
  6. Cambiamenti repentini.
  7. Perdite, mancanze e rinascite.
  8. Vita.

  9. Profumo di vaniglia e di mare.
  10. Azzurro come il cielo e rosso come il tramonto.

 

  1. IMG_7699IMG_7837

 

  1. Caldo come il fuoco di un camino o di un falò in spiaggia.
  2. Limpido come il mare.
  3. Puro come la neve.

 

 

IMG_7982

 

  1. In tutto ciò che ho perso ed in tutto ciò che ho conquistato c’è la gratitudine per averlo vissuto.
  2. Che possiate viaggiare, questo vi auguro.
  3. Con la mente, con il cuore, in sogno e magari, se potete, anche in aereo!
  4. E a voi che mi leggete e mi scrivete cose bellissime che molto spesso mi commuovono, grazie di ❤️.
  5. Condividere è una delle cose più belle che ci siano.
  6. Condividere è brillare e di brillare non dovremmo smettere mai
  7. { ora, bando alle ciance e ai sentimentalismi, vado a cercare le renne }
  8. Ci si vede l’anno prossimo!

 

 

 

  1. 2016 – Happy New Year

  2. Tante scatole di latta per biscotti natalizi che il 2016 sarà zuccheroso, vaniglioso, gioioso.
  3. H&M ad ogni angolo.
  4. Santa Claus che ci saluta dalle vetrine.

IMG_7733IMG_7738IMG_7753 IMG_7743IMG_7774 IMG_7755 IMG_7754IMG_7739IMG_7667

 

 

  1. Una collana di pendagli natalizi che con il mio maglione è la morte sua.
  2. Il mio quadro con una dolcissima renna che mi guarda con i suoi occhioni dolcissimi.
  3. Sul camino nella Lazy Home ha già il suo posticino prenotato.
  4. Avvolta da questo strano affetto svedese, salgo in barca e mi dedico ai canali!
  5. Happy New Year to everybody.
  6. Joyjoyjoy

 

 

IMG_7777

 

 

 

  1. Di bello, in Svezia, c’è che si paga TUTTO con carta di credito, anche il caffè al bar.
  2. Di brutto c’è che io rischio di smagnetizzare la Visa tanto striscio
  3. Non è colpa mia, tutto è troppo bello: arredamento, vestiti, peluche a forma di renna e alce e orso polare, perfino le scatole di latta portabiscotti sono bellissime.
  4. Quando l’indecisione regna sovrana, io compro tutto.
  5. E così mi ritrovo la valigia zeppa già al terzo giorno.
  6. Poi c’è il serio problema degli svedesi che sono B E L L I S S I M I come narra la leggenda.
  7. Sono arrivata alla conclusione che vengano posizionati in luoghi strategici per fare in modo che le turiste non abituate a cotanto ben di dio acquistino ciò che gli adoni propongono.
  8. Per la cronaca, ho bevuto una cioccolata calda da mezzo Lt al Museo della Fotografia perchè mi pareva brutto riprendere il gran pezzo di barista che me l’ha servita.
  9. I suoi occhioni svedesi erano più dolci di quelli di Rudolph ed io molto infreddolita.
  10. Forse, sotto sotto, lui lo aveva capito ed una tale quantità era proprio necessaria
  11. Il problema clima mi spaventa meno ma sulla barca che oggi ci ha portato a spasso nel Mar Baltico ho avuto veramente paura.
  12. Paura di non farcela nonostante pelli rigorosamente faux, coperte Ikea, cappello, sciarpa, guanti.
  13. -8 gradi e un venticello che ti accarezza come una katana.
  14. Una nonna Abelarda con pelle di porcellana,
  15. rughe scomparse e grande sorriso – in risposta al  “Welcome on board ladies!” del capitano – stampato in faccia, fino all’ingresso nel primo bar riscaldato dove mi sono sciolta come neve al sole.
  16. Ho visto paesaggi che finalmente capisco veramente cosa prova Inga Lindstrom quando scrive le sue sceneggiature e la signora Fletcher che,
  17. se abbandonasse il Maine per venire qualche giorno quì, ne uscirebbe una Signora in Giallo svedese da far invidia alla bandiera a stelle e strisce
  18. Un Luna Park chiuso che sembra di stare a Coney Island fuori stagione ma pulito ordinato e illuminato in perfetto stile svedese.
  19. Mi sono innamorata più volte oggi.
  20. L’ultima volta al ” Goodbye Miss, have a nice days in Stocholm”

 

IMG_7893IMG_7822IMG_7823IMG_7825 IMG_7835 IMG_7826 IMG_7836IMG_7839 IMG_7846 IMG_7841IMG_7856 IMG_7854IMG_7801

 

 

  1. Il panino veloce a Capodanno è stato fantastico ma vogliamo mettere una cena svedese?
  2. Ciò che si fa il primo dell’anno si ripete tutto l’anno perciò s’è deciso: sole cose belle.
  3. Märten Trotzig a Gamla Stan. Ve lo consiglio, sì sì!

 

 

IMG_7908 IMG_7910 IMG_7912 IMG_7915 IMG_7917 IMG_7924 IMG_7927 IMG_7930

 

 

  1. Candele e bottiglie di vino.
  2. Luce soffusa ed un sacco di bella gente che sorride al nuovo anno.
  3. Quì mangiano l’alce e la renna ma con me non attacca.
  4. Io Rudolph lo coccolo, non lo mangio❤️.
  5. To start una vellutata di funghi porcini con panna acida che da oggi in poi mai più senza.
  6. •La panna acida la uso solo per i blinis ma al nord sto scoprendo una gran quantità di usi che ho già fatto miei per poi replicarli nella Lazy Home•
  7. ( l’acquisto del libro di Tradizioni Svedesi con relative ricette era condizione essenziale ).

 

IMG_7904

 

 

  1. Dei crostoni spalmati di burro salato che con tutto questo freddo c’è bisogno di calorie e di carboidrati.
  2. Le polpettine svedesi che solo loro valgono il viaggio fin quì – se non avete in programma una gita in Svezia, Ikea può essere una valida alternativa ma è come il Sushi da noi: non ci siamo!
  3. E poi confesso di aver mangiato anche del salmone che con il mio menù di carne e funghi non c’entrava nulla ma come si fa a dire di no??
  4. E poi finalmente abbiamo brindato a questo nuovo anno.

  5. Che sia luminoso, che sia avvolgente, che sia morbido, che sia nostro, semplicemente nostro.

  6. Piumone e tisana❤️.
  7. E fuori dalla finestra sta cominciando a nevicare❄️.
  8. Non potevo chiedere di più perché non avrei voluto di più.
  9. I desideri inseguiamoli, che qualche volta si fanno prendere

 

IMG_7700 2 IMG_7702 2 IMG_7701 2

 

  1. Oggi brillo
  2. Mi trema il cuore e mi si sovrappongono i pensieri.
  3. Svegliata dal silenzio in una città completamene coperta di neve.
  4. Fiocchi giganti che continuano a cadere.
  5. Da piccola credevo fossero piccoli angeli che scendono dal cielo per venire a salutarci.
  6. Adesso mi lascio semplicemente accarezzare.
  7. Mentre i bambini continuano a correre con i loro monopattini e le mamme continuano a passeggiare spingendo carrozzine bardatissime, io mi dirigo a Skansen.
  8. Un salto nel passato.
  9. 150 tra case e fattorie originali, recuperate in varie zone della Svezia e rimontate quì.
  10. Abiti, colori, vita tipici.
  1. Candele e cuori alle finestre.
  2. Tavole apparecchiate e alberi di Natale addobbati.
  3. Creazioni soffiate in vetro.
  4. E le renne, finalmente❤️.
  5. Le ho talmente aspettate che sono rimasta a guardarle così a lungo, senza nemmeno respirare, che mi si sono congelate le lenti a contatto.
  6. Travolta da emozioni che non credevo nemmeno di poter provare.
  7. Un salto nel passato, a quando da piccola sognavo di accompagnare Babbo Natale in giro per il mondo sulla sua slitta.
  8. E oggi, guardando Rudolph al tramonto, lassù, sulla sua piccola montagna bianca, mi sono sentita al sicuro.
  9. Le alci che si abbuffano di neve, la volpe che mi scruta, il leone marino che aspetta il pranzetto.
  10. La natura che dà il meglio di sè.
  11. Non potevo scegliere giornata migliore.
  12. C’è magia in questo paesaggio bianco.

 

  1. C’è magia quì.
  2. C’è magia in ogni cuore che sceglie di credere!

 

  1. IMG_7960 IMG_7980 IMG_7978
  2. IMG_8072IMG_8075IMG_8082 IMG_8085 IMG_8084IMG_8107 IMG_8106 IMG_8105 IMG_8104 IMG_8103IMG_8083 IMG_8086 IMG_8087 IMG_8088 IMG_8089 IMG_8093 IMG_8092 IMG_8091 IMG_8090IMG_8094 IMG_8096 IMG_8095IMG_8102 IMG_8101 IMG_8100 IMG_8099

 

 

In Svezia non siamo stati a pettinare le renne.

  1. Dopo la natura ed il romanticismo, ci siamo dedicati ai gloriosi ’70!
  2. Abbiamo cantato Mamma Mia e Dancing Queen in sala d’incisione.
  3. Una cosa sola spero: che la registrazione si sia auto distrutta alla nostra uscita ed i detriti spediti nell’iperspazio.
  4. Una performance delirante ma ho riso fino alle lacrime.

 

 

IMG_8144 IMG_8143 IMG_8142 IMG_8141 IMG_8140 IMG_8139 IMG_8138 IMG_8137

  1. E poi, dopo aver prenotato tre giorni prima, finalmente mangiamo al Den Gyldene Freden in Gamla Stan, il più vecchio ristorante di Stoccolma.

 

 

  1. Leggende metropolitane narrano grandi gesta.
  2. Riunione, una volta alla settimana, dell’accademia di Svezia.
  3. Atmosfera d’altri tempi e menù tipicamente svedese.
  4. Arredamento dell’epoca e candele che fanno atmosfera.
  5. Una cena deliziosa con uno dei filetti di salmone più buoni che io abbia mai mangiato.

 

 

  1. IMG_8176 IMG_8175 IMG_8172 IMG_8171 IMG_8168 IMG_8167 IMG_8166 IMG_8165 IMG_8160 IMG_8157 IMG_8156 IMG_8150 IMG_8148
  2. Ma la simpatia è cosa che non li sfiora.
  3. Fortuna che ho fatto il pieno di allegria prima così ho digerito cibo e persone.
  4. Imparare a planare sulle cose è una delle lezioni più belle dell’anno passato.
  5. Saranno sogni e saranno stelle.

 

  1. IMG_7737

Non abbiamo perso il volo per colpa dello shopping compulsivo da Victoria’s Secret in una Stoccolma innevata❄️.

  1. Nemmeno per aver seminato in giro una delle preziosissime borse a righe bianche e rosa ed essere tornata a ricomprare tutto.

 

IMG_8197 IMG_8200 IMG_8202

 

  1. Ebbene.
  2. Anche Lufhtansa ritarda✈️.
  3. Tanto da farci perdere la coincidenza che avrebbe dovuto riportarci in Italia.
  4. I tedeschi precisini l’hanno combinata grossa.
  5. Ciò significa birrette e würstel con tanta senape.
  6. E Bretzel pieni di chicchi di sale.
  7. Ed un sonno che appena vedo il mio letto mi ci butto senza nemmeno chiudere il contenitore.
  8. Nell’attesa, dopo i brindisi svedesi, noi passiamo al Prosit.
  9. Perché niente accade per caso.
  10. Forse avevamo bisogno di fermarci ancora un attimo a godere di questa bellezza prima di tornare alla solita vita senza renne!

 

 

 

IMG_8291

 

 

  1. In Svezia, le finestre delle case vengono decorate con le stelle dell’avvento – richiamo diretto alla stella di Betlemme –
  2. e con candelabri a sette candele a formare una piramide, ed accesi al calar della sera🕯.
  3. Ogni finestra ha la sua lampada che deve rimanere accesa anche nel caso in cui la stanza sia vuota.
  4. La tradizione è legata ai lunghi mesi di buio ed alla necessità di illuminare l’area che circonda l’abitazione.
  5. Fino a qualche decennio fa, le fönsterlampor venivano riposte in cantina durante il periodo estivo.

  6. Adesso non è più così e rimangano ad illuminare le finestre per tutto l’anno.

  7. Nel bagaglio di emozioni che ho portato a casa con me ho inserito anche un candelabro affinché, nei momenti di buio, io mi ricordi sempre di brillare 🌟

 

 

 

  1. Un rientro al cardiopalma non può che essere seguito da una caldaia saltata = clienti al freddo ed al gelo da Capodanno.
  2. Meravigliosi loro che non hanno voluto disturbare la mia love story con le renne ma, ancora qualche ora di ritardo, e li avrei trovati ibernati
  3. Messaggi che, come il mio aereo di ieri, non sono partiti = clienti dirottati in hotel.
  4. Agenda dimenticata in valigia = estraniata dal mondo.
  5. TUTTI i numeri di telefono necessari per rientrare a piedi pari nel mondo lavorativo viaggiano in stiva.
  6. Perché mi sono ripromessa di non farmi più irretire dalla potenza della tecnologia dopo un crack all’iPhone 5 che nemmeno quei geni dei tecnici Apple hanno saputo risolvere.
  7. Al rientro nella Lazy Home, la frutta sopravvissuta al Natale mi accoglie stanca.
  8. Uno strudel di mele è la soluzione a tutti i mali.

 

 

IMG_8267

  1. Impasto, tagliuzzo, soffriggo ed in un attimo è profumo di cannella, rum e di uva passa.
  2. E le renne che sono riuscita a portare via con me hanno trovato casa sul mio camino.

 

  1. Mi mancano davvero tanto i paesaggi innevati svedesi ma quanto è bello tornare a casa ❤️

 

 

IMG_8258

Nessun commento su Un inizio d’anno in una Stoccolma innevata che mi fa tremare il cuore tra renne e fiocchi di neve silenziosi!

Di Castelli, Zucche e Lavanda! Quest’autunno va così!

Due castagne in tasca perché di fortuna non ce n’è mai abbastanza.   Il mio trench giallo che in troppi insistono a chiamare senape. Sveglia presto per fare colazione con…

  1. Due castagne in tasca perché di fortuna non ce n’è mai abbastanza.

 

  1. Il mio trench giallo che in troppi insistono a chiamare senape.
  1. Sveglia presto per fare colazione con croissant al burro che solo perché è sabato.

 

  1. Sole alto in un cielo azzurro.

 

IMG_8758

 

 

 

 

  1. E poi Strassoldo con i suoi castelli.

  2. Un autunno di Frutti, Acque e Castelli.

 

 

 

 

IMG_8745 IMG_8757

 

 

 

 


  • Un piccolo borgo con ruscelli e mulini, circondato da prati verdi a perdita d’occhio.

  • Il rosso, il giallo, il verde delle foglie d’autunno.

  • La contessa di Strassoldo che ci guida durante la visita ai giardini del castello.

  • Fiori, zucche, mele e cuori.

  • Cuori dappertutto.

  • E gli gnocchi di zucca con la ricotta affumicata nel cortile del Castello di Sopra.

  • Ed i nostri selfie sotto una pioggia di mele rosse.

  • E due bambini dolcissimi che vendono cioccolatini e morbidi krapfen giganti, rigorosamente homemade.

  • E quel caminetto in una cucina piena di candele.

 

 

 

 

IMG_8774

IMG_8668

IMG_8789 IMG_8782

IMG_8798

IMG_8796

IMG_8751

IMG_8651

IMG_8679

IMG_8735

 

 

 

 

 

 


  1. E poi il mio bracciale con la pietra azzurra che non vedo l’ora si spezzi per far avverare il mio desiderio.

  2. Scale.

  3. Si sale e si scende.

  4. Porte che si schiudono e lasciano intravedere pizzi e merletti illuminati da boule luminose che non ho potuto non portare a casa con me.

 

 

 

 

IMG_8790

IMG_8773 IMG_8762

IMG_8710

IMG_8756

 

 

 


  1. Io che mi sento una principessa.
  2. Io che, prima di salutare, sussurrando, auguro la buonanotte alle fate🌟

 

 

 

 

 

 

Attimi.

Piccoli attimi che ci cambiano.

In una domenica di zucche e lavanda🎃🌾

IMG_8857 IMG_8873

IMG_8862 IMG_8871

  1. Di eroi e danze medievali.
  2. Di borghi illuminati dalle candele
  3. Di gnocchi di zucca con ricotta affumicata e salvia che più buoni non ce n’è.
  4. Di frico che abbiamo mangiato come se non ci fosse un domani.
  5. Di vino rosso e di pensieri.

 

IMG_8882 IMG_8883 IMG_8888

 

 

 

  1. Perché è proprio vero che la vita ci mette alla prova.
  2. Perché dobbiamo essere forti.
  3. Dobbiamo crederci.
  4. Dobbiamo convincerci e convincere.
  5. Non vogliamo essere la regola ma molto spesso siamo la regola.
  6. Non serviva questa prova per renderci consapevoli.
  7. Ma avremo l’ennesima conferma e sorrideremo a questa vita che si diverte a farci lo sgambetto.

 

IMG_8644

Nessun commento su Di Castelli, Zucche e Lavanda! Quest’autunno va così!

Di nuove partenze! Di amici del cuore! Di un Expo delirante!

Di nuove partenze. Di noi la mattina presto sotto la pioggia. Di un trolley viola piccolissimo perché ormai sono la regina del bagaglio a mano. Di treni che non amo…

Di nuove partenze.

Di noi la mattina presto sotto la pioggia.

Di un trolley viola piccolissimo perché ormai sono la regina del bagaglio a mano.

Di treni che non amo ma che oggi riservano belle sorprese.

Di un’amica incontrata per caso sulla Freccia.
Di grandi chiacchiere che vengono dal cuore

 

IMG_8159

IMG_8168

 

 

 

Di Matteo Marzotto che è un dirimpettaio fantastico: perché esiste uno che telefono parla più di me, bastava trovarlo😜

Di amiche che non vedo l’ora di riabbracciare 💞

Di un libro che non vedo l’ora di avere.

Di un Expo che chissà se mi piacerà.

Di un weekend milanese di appuntamenti serrati.

Di idee che si alimentano e si sviluppano.

Di vita.
Di noi che viviamo fortissimo🌟

 

 

 

 

 

Varese e divano e un pisolino pomeridiano.
Terry The Dog con il suo naso umido che mi ronfa accanto.

 

IMG_8172

 

La mia prima volta all’Expo al calar del sole e l’Albero della Vita pieno di colori, musica, giochi d’acqua e fuochi d’artificio.

La magia deve durare poco, dicono.

Qualche minuto di silenzio e teste rivolte verso il cielo.


E quell’amica che sembrano passate poche ore invece ormai sono parecchi mesi, ma ogni volta è come se fosse ieri.


Racconti che dureranno tutto il weekend.
Pr
ogetti che vedranno la luce quando accenderemo l’albero perché noi la zucca l’abbiamo già digerita e stiamo preparando il Xmas Dress🎅🏻🎄

 

 

 

Rose bianche per festeggiarci.

Tanto buon cibo e troppo Limoncello ghiacciato.

Sonno, gioia, sentimenti, vita.
E noi che continuamo a vivere fortissimo 🌟

 

 

IMG_8180

IMG_8184

IMG_8206

IMG_8215

 

 

 

 

 

 

 

Due giorni ad Expo e devo ancora tirare le somme.

Gambe pesanti, piedi infuocati e stanchezza modello jat lag intercontinentale.

Questo al momento è il bilancio.

Stando alle mie informazioni, tutti gli interessati ci erano già stati perciò i miei calcoli prevedevano una certa velocità nell’accedere ai padiglioni, una certa calma nel visitarli ma soprattutto il piacere della degustazione.

Il Basmati Pavillon meglio degli Emirati Arabi.

Franciacorta meglio del Qatar.

Cracco meglio del Kazakistan.

Peccato che a tutto ciò fosse impossibile accedere.

Solo free water dalle fontanelle disseminate in giro.

Code che andavano dalle 4 alle 8 ore per un piatto di riso ed una visita guidata tra le dune.

A chi fosse interessato al Giappone consiglio l’aereo da Malpensa che si fa comunque prima.E poi c’è la questione passaporto e relativi timbri.

Senza il passaporto di Expo non sei nessuno.

I timbri puoi averli anche senza accedere al padiglione relativo, basta trovarli.

C’è chi li tiene all’ingresso, chi nel negozio di souvenir, chi all’ufficio informazioni.

Io ho deposto le armi al quarto timbro e al decimo km a piedi.

IMG_8218

IMG_8248 IMG_8253 IMG_8250

IMG_8221 IMG_8220

IMG_8376

 

 

 

E oggi – in una di quelle domeniche uggiose – il pranzo serio, quello che inizia all’una e finisce alle 4 del pomeriggio, ci sta tutto.

E noi non ce lo siamo fatto mancare.

E non ci siamo fatti mancare nemmeno la festa paesana in piazza con le prime castagne della stagione 🌰

Ho espresso il desiderio, che è sempre lo stesso, ma che se ci credo forte forte si avvera!

Il primo vin brûlé che fa proprio autunno.

E poi assaggi di pastiera napoletana – che elevo tra i miei dolci favoriti – cassata siciliana, babà e parecchio Limoncello.

Il Sud a Varese.

E poi ci siamo noi che finalmente abbiamo passato del tempo insieme.

Non conta quanto o quanto spesso.

Contiamo noi che scavando, alla fine, riusciamo a costruire !

IMG_8383

IMG_8368

IMG_8216

IMG_8349

IMG_8370

FullSizeRender

Nessun commento su Di nuove partenze! Di amici del cuore! Di un Expo delirante!

Formentera – l’energia che trasforma granelli di sabbia in semi!

      Formentera. La costanza è ciò che più invidio a tutti quelli che ne hanno. Quella costanza di cui sono assolutamente carente. Sono Lazy, seriamente e orgogliosamente Lazy…

 

 

 

Formentera.

La costanza è ciò che più invidio a tutti quelli che ne hanno.
Quella costanza di cui sono assolutamente carente.
Sono Lazy, seriamente e orgogliosamente Lazy
Mi riprometto di scrivere ogni giorno.
Di raccontarmi e di raccontarvi.
Di togliere ogni dubbio: non vivo mica in vacanza
Sono reale
Ma, porcaccia la miseria, succede che mi faccio regolarmente travolgere dalla quotidianità e perdo il contatto con me stessa.
Mi ritrovo bloccata e con stimoli pari a zero.

Sono atterrata quì e rieccoci!
Amo la mia isla le sue spiagge, i suoi colori, i suoi sapori, i suoi profumi.

Una Panda 4×4 Arancione in porto.
E non è quella della Fra che è quì con noi
La nostra casetta luminosa che profuma di cocco come il nostro beauty case.
Le cicale tutto intorno – anche quì – che chiacchierano senza sosta.
La nostra terrazza silenziosa che guarda gli scogli di Es Calò.

IMG_7424

La nostra prima colazione isolana, a casa, che sa di latte, magdalenas, Mini Oreo e Last Christmas perché, in fondo, mancano solo 3 mesi a Natale
Una piantina abbandonata sulle scale di casa che è diventata mia.
Potata, annaffiata ed in attesa di volare a casa con me.

Il nostro primo bucato perché le buone abitudini sono come le tradizioni: vanno protette, alimentate e tramandate nel tempo.
Il bastone per il selfie che non siamo riusciate a comprare ergo acrobazie circensi a Les Illetes per racchiudere il mare, il sole, la spiaggia e noi rigorosamente alte e magre
Un mojito al tramonto perchè al Piratabus tutto è più magico.
Più emozionante.
Più tramonto.

IMG_7357 IMG_7351

IMG_7365

IMG_7297

La paella di Fonda Pepe che ci da l’energia giusta per trotterellare tra i banchi del mercatino di Sant Ferran da cui, incredibilmente, siamo uscite a mani vuote.
Le espadrillas shabby tempestate di fiorellini

IMG_7316

Una pausa Wi-Fi e un’ultima birra!
Ed essere semplicemente felice.
Non si può spiegare.
Si può solo vivere

 

La mia isla ed i suoi punti fermi.
Passano gli anni ma loro sono sempre lì, ancorati, felicemente.
Sempre pronti a ricordarmi che se sono vecchie abitudini evidentemente sono buone abitudini.
Il buongiorno che è una carezza di vento tra le tende bianche.
La mia borsa Gipsy sempre con me. E la stessa Gipsy che mi dice che anche loro sono quì, per salutare questa estate

IMG_7252

IMG_7337

Da Peònia Cosmètica Natural a Sant Ferran caccia al tesoro alla ricerca di cremine, burrocacao, olii per il corpo e Senses of Formentera, quel profumo che è un misto di pineta, legno, acqua, sale, fico, limone e chissà cos’altro ancora.
Quel profumo che rimanda all’isla al primo soffio di vento, ai suoi colori al primo raggio di sole, alla sua gioia al primo mojito al tramonto.
Catalina House a Sant Ferran perché quel tripudio di verde salvia mi ha conquistata al primo incontro.

IMG_7317

IMG_7380

Non ci si può accomodare sui divani esposti ma si può gironzolare tra bricchi di latte decorati a mano, pentolini smaltati, candele e lampade sospese.
La spiaggia con la sabbia in memory foam che mi accoglie durante i miei pisolini pre tramonto
Le foto sott’acqua come una novella Esther Williams che di atletico ha solo la simpatia
Il Piratabus che è al Km 11 ma senza indicazione.

IMG_7376 2 IMG_7372 2

IMG_7336

Che per arrivarci bisogna tentare gli sterrati che portano a casa di tutti tranne che del Pirata.
Perché per noi parcheggiare al Flipper&Chiller è decisamente troppo lontano.
Spiaggia sotto la bandiera issata.
Nuotate serali con gli habituè isolani che il loro tuffo giornaliero, nudi, liberi, è un must!
Oggi ce la siamo goduta tutta, la puesta de sol
Decine e decine di persone silenziose, sedute sulla scogliera, tra il sole che gioca a nascondino e la luna che lo rincorre
E la sera è arrivata.
Ed io mi sono commossa.
Accade ogni volta e non voglio smettere mai.
Perché commuoversi davanti ad un tramonto accompagnato dalla sua canzone è magia pura
Un mercatino sul lungomare,Yiyi che ci dona un bracciale, un regalo isolano per ognuna di noi.
Abbiamo goduto delle nostre chiacchiere, dei racconti, della pura gioia della condivisione bevendo Sangrìa Tinta.
Il mio gazpacho preferito in riva al mare.
Sa Platgeta la nostra meta questa sera.
Uno dei miei posti del cuore, probabilmente IL.
Perchè, è vero!

Il tempo corre e la vita fugge.

Ma è guardando il mare, travolta da una pace che solo quando sono quì mi ricordo che esiste davvero – ed esiste per tutti noi – che mi ripeto che dobbiamo imparare a trasformare la sabbia in semi.

IMG_7687

 

 

 

 

Previsioni funeste
Ma alla fine abbiamo vinto noi
30 gradi misti di umidità e sole tra nuvoloni di spuma bianca e noi felici.
Le tende bianche mosse dal vento e le nostre lunghe confidenze mattutine protette da spessi occhiali da sole
Un piatto di spaghetti di riso con tofu, germogli di soia, arachidi e tamarindo per un pranzo veloce al Blue Bar.

IMG_7529

Che poi noi, così salutiste non lo siamo state mai
E poi finalmente la playa 🏄
Una playa semideserta.
La musica del Lucky in sottofondo e noi spiaggiate.
Una Laguna Blu d’autunno.
Selfie con le braccia rivolte a quel cielo così bello, così azzurro, così infinito💙

IMG_7536

Sulla strada versa casa, il passaggio da Peònia è obbligato e oggi anche illuminante: la fantastica ragazza che ci lavora ci risolve il problema della cena.
Sa Panxa.

IMG_7537

Un altro posto meraviglioso nel cuore di Sant Ferran.
Un piccolo gioiello bianco e pietra isolana, una terrazza che profuma di lavanda, illuminata da lanterne e da gabbiette shabby sospese, tende bianche attraverso le quali fa capolino la luna quasi piena.
Sedie verdi e tavoloni di legno.
Noi in fase racconti di vita.
Il mio poncho greco verde a pois bianchi.
Una cena deliziosa annaffiata da Sangrìa e molta frutta fresca.
Una calma che da serenità.
Una serenità che fa bene al cuore.
Un cuore che batte forte❤

 

 

Giornate così dense di emozioni💞
Giornate di puro benessere, pura gioia, pura vita.
Giornate che vorrei non finissero mai.
Svegliata dalla grandine e dai tuoni, dai fulmini e dalle saette ⚡☔
Di corsa in terrazza per raccogliere il bucato steso all’aria.
Ma la housewife in questione non sono io😜
No no.
Io me lo godo sotto le coperte, il temporale isolano😉
Una colazione salata che sa di sonno, pane Bimbo tostato e bruciacchiato con il formaggio fuso, magdalenas dolcissime e un caldo Nescafè Cappuccino schiumoso.
Il mio libro che non è solo “La matematica delle bionde”.
Finalmente un giro sotto casa, a Es Calò, tra scogli e onde alte e bianche, con uno sfondo di nuvole che si rincorrono.
Shopping in chiusura da Vintage a Sant Francesc dove, a due anni di distanza, ho ritrovato il mio abito canotta che avevo perso in qualche parte del mondo, durante uno dei miei viaggi.
Felicità.

IMG_7421

Commozione, come fosse un tramonto al Piratabus 😉
Un selfie al volo allo specchio di Essentiel Formentera perché ce lo chiedono loro 😎

IMG_7417

E poi la mazzata!
Me l’aspettavo.
Ho cercato di girarci intorno.
Ho sperato di ritrovare il rosa shabby che avevo lasciato.
Invece no.
Dove un tempo troneggiava OYA, ora c’è un impersonale pizzeriaristoranteitaliano senza personalità alcuna.
Un brivido lungo la schiena.
E non è emozione, è tristezza vera!
Realizzare che non c’è più lo spazio dove poter esprimere la propria arte.
Accettare che non c’è più Titta accanto al suo telefono rosa, con le sue Espadrillas dai mille colori – ogni giorno un colore differente – come i suoi sorrisi – ogni giorno diversi ma sempre accoglienti😊
Non c’è più Fabio a decorare ceste di paglia.
Non ci sono più teiere sospese.
Non ci sono più il dondolo ed i libri.
Non c’è più l’atmosfera.
I ricordi bellissimi.
I momenti vissuti lì dentro restano indelebili ma non può non mancare.
No.
E riprende a piovere💧.
Probabilmente il cielo piange con me.
Un tramonto al Faro de El Pilar della Mola.

IMG_7464

Il Mercatino Hippie lungo la strada ma di hippie nemmeno l’ombra, solo una vaga, tristissima traccia.
Una foto sbiadita di quello che un tempo era hippie, veramente e profondamente hippie 🌺
Una birretta&nachos al Can Carol ascoltando quei Toreros Muertos con la loro ballata • Mi Agüita Amarilla • che quì conoscono tutti e che è impossible non ballare.
È una serata accogliente questa, calda, morbida.
Da Caterina a Es Calò.

FullSizeRender

IMG_7482 IMG_7471

Avvolta dal sage green che tanto amo, dalle luci delle candele, da Norah Jones, da un calice di vino bianco e dalla gioia dell’attesa.
Oggi deve finire affinché arrivi domani.

 

 

Si continua a vivere di emozioni forti💗
Anche una giornata di pioggia battente, vento e temperatura autunnale ha il suo senso.
Caló des Mort è magica.
Mentre la tempesta si avvicina noi ci tuffiamo in un mare che va dal verde al blu, al nero.
Nuotiamo e piove☔
I più sono avvolti in comode felpe, caldi ponchi, piumini colorati.
Noi continuiamo a nuotare🏊🏼

IMG_7655

IMG_7638

Quella sensazione di libertà che nessuno ci può togliere mentre a largo sguazziamo tra le onde.
Il respiro affannoso perché a tutta questa vita non siamo abituati.
Noi con noi stessi.
Troppo spesso estranei, pezzi di puzzle sparpagliati.
Finalmente ricomposti.

La purezza racchiusa in un abito bianco nel tipico stile ibizenco, con i bordi lavorati all’uncinetto e le maniche talmente ampie da poter accogliere tutto l’amore del mondo.
“Pareces una mariposa” mi dicono.
Io invece mi sento una principessa con ali grandi per volare.
A Cap de Barbaria pare di essere in Normandia.
Un piccolo faro sulla punta.

Noi sotto la pioggia battente a scattarci selfie con i capelli fradici al vento, ha un che di mistico.
Jake Bugg che ci travolge con la sua voce calda.
Io che ho sempre le lacrime in tasca.
Io che oggi sono senza tasche.
Io che oggi confondo lacrime di emozione con gocce di pioggia.
Una cena Gipsy in una serata quasi invernale.
Una sorpresa nella sorpresa.
Una dolcissima Alice che ti travolge con il suo sorriso, che ti coinvolge con i suoi racconti, che si illumina quando parla del suo libro in uscita.
Un fantastico gitano accanto a lei e un’energia esplosiva.
Energia positiva.

IMG_7669

Energia che si sente, si vive, vibra. Una serata di grandi risate, racconti divertenti e persone vere che resterà nel mio cuore per sempre❤

L’ultimo giorno sull’isla e non avrei potuto chiedere di più.

Il rumore della pioggia durante la notte.

Finestre spalancate per respirare tutta l’aria che c’è perché ho voglia di farmi travolgere da questa meraviglia che è la vita.

Il vento che mi accarezza durante la notte ed io che mi nascondo sotto la mia soffice coperta del colore della sabbia di Formentera.
Le onde di Es Calò che si rincorrono per poi infrangersi ai miei piedi.
Io immobile.

Il mio quaderno di Forevermentera, il mio piccolo scrigno, il custode dei miei segreti isolani.
Un aperitivo Gipsy sulla spiaggia al tramonto
Bottiglie di vino ghiacciate.
Noccioline.
Piedi scalzi e unghie laccate.
Parei distesi e le nostre chiacchiere.
Niente selfie.
Solo emozioni.
Emozioni che fatico a tradurre in parole.
Forse perché bisogna semplicemente portarle nel cuore
Proprio quando meno te l’aspetti.
Quando magari smetti di crederci.
Gli abiti firmati li lascio agli altri, io voglio solo ringraziarvi.
Voi • ognuno a suo modo • avete reso questa mia settimana isolana splendida
Porterò a casa con me un po’ della vostra luce.
Vi voglio bene ed è bellissimo.
Alessandro. Alice. Francesca. Yiyi.

Gente, se potete, cercate la vostra isla.
Cercate la vostra energia.
Cercatevi.
Cercare di somigliare a se stessi è la più grande conquista •

IMG_7706

IMG_7484

IMG_7485

1 commento su Formentera – l’energia che trasforma granelli di sabbia in semi!

Hey you, fool summer: finalmente una domenica di sole, di unghie laccate di rosso e di ricordi greci #unavoltaallannosonogreca

Ieri mattina, aprendo la finestra della mia camera, ho pensato a quanto sia paradossale che una domenica di ottobre sia più estiva di una domenica di metà luglio.   Declinare…

Ieri mattina, aprendo la finestra della mia camera, ho pensato a quanto sia paradossale che una domenica di ottobre sia più estiva di una domenica di metà luglio.

 

Declinare un invito ad un pranzo potentemente carboidratico.

 

Declinare un invito ad un allenamento di canottaggio

( solo per passare ai raggi x i canottieri, sia ben chiaro !!!! ).

 

Declinare sostanzialmente le mie amiche per dedicare la mia domenica al sacro cazzeggio, laccandomi le unghie di rosso, nel mio giardino fiorito, accarezzata da un tiepido sole.

 

 

Ancora e ancora.

Quasi in zona Halloween io mi abbronzo.

E sono felice.

E ripenso ai miei giorni greci in una Grecia tanto azzurra, tanto calda, tanto luminosa, tanto greca.

 

 

 

 

 

Santorini, I love u!

Just Santorini!

Santorini in my heart!

Santorini in bianco!  Vulcano&MSC Crociere!  Bianca Arte! Bucato greco!  Illy c'è! Scale e fiori! Riscorci greci!  That's it! Sunset in Santorini!

 

 

Appurato che amo la Grecia in ogni sua piccola parte.

 

Appurato che ho deciso di dedicarmi, anno dopo anno, all’esplorazione di un’isoletta diversa.

A costo di impiegarci una vita ma voglio farle TUTTE.

 

Appurato che Santorini e Paros quest’anno mi hanno completamente conquistato, questi i lazy must:

 

A Santorini, dopo una notte in overbooking, sono finalmente arrivata a destinazione ed è sicuro: d’ora in poi dormirò sempre e solo al Vrachia Studios: un’oasi di pace in the land of nowhere con il rumore del mare come sottofondo.

 

Fare colazione sulla terrazza guardando il mare ed il vicino che, completamente nudo, si abbronza non è cosa da ogni giorno.

 

E’ cosa greca di Santorini!

 

 

Casetta mia!

La pace dal terrazzo di casa!

La vita non è sempre in salita!

Una finestra su Santorini!

 

In realtà, le spiagge scure di Santorini – rosse nere grigie – non fanno per me.

 

Siamo molto lontani dai candidi colori del mio cuore ma non importa:

 

è cosa nota che io abbia un rapporto solido e fedele con Kiko – gestibile solo grazie al fatto che Dio ci ha donato solo 20 dita – ed il problema è risolto!

 

Red Beach!

 

Il necessaire!

Colori!

 

 

 

Ma è a Paros che la Grecia mi ha dato il meglio: ventose spiagge bianche, libri da leggere sotto l’ombrellone, sbobbe di freddo caffè schiumoso, colori brillanti.

 

 

 

Assolutamente da non perdere: Faragas Beach – attrezzata, musicale e festaiola

 

vs

 

Voutakos Beach – il nulla, solo la sabbia ed il mare – posto strabiliante ma io ho retto 2 ore, per me interminabili.

 

Per poi fare ritorno a casa Faragas.

 

Nel mezzo Delfini Beach, Marchellos Beach ed Aliki Beach.

 

Tutte meraviogliose. Tutte bianche. Tutte da scoprire.

 

Turn on the right!

Capelli Greci!

Love Greek Beach!

All'ombra ed in relax!

 

Wind!

Sbobba di caffè

Sbobba&Colors!

Leggere sempre!

Faragas Beach Club!

 

 

 

Il discorso si fa serio quando parliamo di cibo greco: io mangerei tutto ciò che i greci producono: dalla pita, al feta, allo tzatziki, alla melitzanosalata, alla mousaka, a tutti gli small fish dell’Egeo, al gyros, ai souvlaka, all’insalata greca – il mio must, sopra ogni cosa – a tutto il resto che fa Grecia.

 

Nessuno può essere saggio a stomaco vuoto diceva Heliot.

 

Le sedie azzurre, i tavolini bianchi, le tovaglie a quadri, le barche che con il loro rollìo creano un sottofondo musicale che ti accompagna mentre il palato si ubriaca di sapori greci.

 

Tanti ristoranti mi sono rimasti nel cuore.

 

La Taverna Roza a Santorini, uno dei miei preferiti.

 

L’ultimo ristorante in fondo al molo nel Porto di Pairikia a Paros – queste le indicazioni via Whatsapp dalla mia amica Fra – giramondo di quelle serie, fortemente dedica al culto del buon cibo e grande estimatrice della terra greca – nessuna delle due ricorda il nome ma io ricordo benissimo i pescetti di cui son rimaste solo le lische e un hummus da aggiungere alla mia già lunga lista degli hummus da Guiness!

Fra ha impressa nella mente la Skordalia. Roba da intenditori, una salsa di patate e aglio, adatta ai single o agli aspiranti tali.

 

Il Magaya a Paros, sulla spiaggia, in una location incantata, talmente magica che quel sole, tuffandosi nel mare, pareva salutasse proprio me.

 

Il Kolimbithres Seafront è nella top ten. Tipica taverna greca Seafront.

 

L’Acrousis nel porto di Aliki a Paros è sempre un garanzia. La cameriera è sempre quella ma cambia colore di capelli con la velocità con cui io faccio fuori l’hummus da Guinness.

 

 

 

 

 

Porto di Noussa, Paros

We need a chair!

 

 

Aliki Beach, Santorini

Aliki Beach!

 

 

Taverna Roza a Santorini – uno dei miei preferiti, forse IL preferito!

 

One of my favourite!

IMG_0025

 

 

Magaya a Paros

 

Magaya Restaurant!

 

 

Tramonto a Magaya!

 

 

Magaya Sunset!

Magaya Sunset Again!

 

Santorini's Beer!

Mousaka, che vita sarebbe senza di te!

Hummus hummus hummus!

The best Hummus!

 

IMG_0022

 

Per lo shopping, a Paros, da non perdere Sigma T ed Event ( se non ce la fate, potete acquistare anche da casa sul loro sito ).

 

A Paros ho comprato di tutto : sciarpe, abiti, una stola verde muschio a pois bianchi che indosserò solo in Grecia, fascette per capelli anni’ 60 – anche queste a pois 🙂 per me e le mie amiche, lime per le unghie con asinelli di ogni foggia e colore stampati sopra, spezie, olio, dolcetti, miele e pomelli per dar nuova vita ai miei mobili vintage!

 

E avrei potuto impegnarmi di più!

 

IMG_0029

 

IMG_0031

Paros' streets!

IMG_0035

IMG_0028

 

IMG_0026

IMG_0033

 

IMG_0034

We are all here!

Acconciatura ventosa!

 

 

 

Ci sono cose nella vita che non cambiano, siamo noi a cambiare accanto a loro.

Questo è ciò che accade ogni volta che vivo in terra greca.

Non è mai abbastanza.

Ogni anno ho bisogno di più tempo.

Ci sono un sacco di porte spalancate sull’infinito che molto spesso non riesco cogliere.

Mulini che girano.

Sempre.

Ma che io, troppo spesso, credo fermi.

Ci sono furgoni colorati che non aspettano che di partire per scoprire spazi infiniti lì a due passi.

Vecchietti sereni che sfidano la vita a dadi, e vincono!

 

E poi ci sono io.

Io che ad ogni ritorno sono un pò diversa.

Un pò più serena.

Un pò più felice.

Un pò più IO.

 

#unavoltaallannosonogreca

 

Questa è l’unica verità.

 

 

 

Testa ancora sul collo!

Porte e Portoni!

Il verde salvia!

Peace&Love in Paros!

Veri uomini greci!

Magaya Day!

Sono Greca!

Paros'Home!

Chignon greci!

 

 

 

 

 

Nessun commento su Hey you, fool summer: finalmente una domenica di sole, di unghie laccate di rosso e di ricordi greci #unavoltaallannosonogreca

L’autunno accoglie Nanà in terra austriaca!

Che io ami viaggiare è cosa nota.   Che io mi sposti con gran facilità è cosa nota.   Che io ami i vestiti, le scarpe, le borse, gli accessori…

Che io ami viaggiare è cosa nota.

 

Che io mi sposti con gran facilità è cosa nota.

 

Che io ami i vestiti, le scarpe, le borse, gli accessori è cosa nota.

 

Mancare all’opening di Nanà?

 

La mia amica Heike non me lo avrebbe mai perdonato, mai!

 

Pena l’esclusione dal regno di Duino, mio luogo di buen ritiro quando della città non ne posso più!

 

Peccato che la cosa si svolgesse in terra austriaca, ja!

 

La sua terra.

 

A solo 1 h e 50 min da casa mia ( cito testualmente da nostra conversazione Whatsapp ).

 

Precisione austriaca da far tremare un’italiana verace e sempre in ritardo come me!

 

Per entrare completamente nel mood austriaco mi sono immediatamente dotata di Bretzel da sgranocchiare in autostrada sulla via di Klagenfurt.

 

IMG_0011

 

In Austria è tutto talmente ordinato che le uniche due briciole di Bretzel cadute in macchina durante il viaggio mio hanno creato uno stato di ansia che neanche il traffico in Tangenziale il lunedì mattina ma, alla fine, l’austriaca Heike aveva ragione:

 

1 h e 50 min ed ero in Alter Platz, ja!

 

 

Nanà ha già concluso il rodaggio.

 

 

IMG_0019

 

 

 

 

Un’ordinata allegria mi accoglie.

 

Tra una cliente che prova un meraviglioso giubbino verde – che ho deciso diventerà mio, insieme ad un paio di stivali che non possono che stare ai miei piedi ed un pellicciottino eco panna che non può che scaldare me, proprio me!

 

Un’altra che sceglie tra meravigliosi abiti appesi – in maniera ordinata, of course!

 

La mia amica Heike che imbusta meravigliosi capi Nanà.

 

Le sue due meravigliose figlie che ci danno sotto con uno shopping degno della Kinsella austriaca – e la Meggy ha già impalmato il giubbino verde che sarà mio 😉

 

Io e la mia compagna di viaggio ci aggiriamo per lo store.

 

IMG_0020

 

 

 

Due piani molto cool, nei toni del nero, del rosso e del legno, con un trono nero al primo piano!

 

Ecco, dove c’è un trono io mi sento sempre a mio agio 😉

 

E davanti ad un trono non si può che brindare perchè ogni nuova avventura va benedetta dalle bollicine.

 

IMG_0014

IMG_0016

IMG_0017

IMG_0013

IMG_0015

 

 

 

 

 

Avrei voluto salutare Nanà in maniera corretta, mi sono impegnata, ma non sono riuscita a non metterci del mio 😉

 

 

 

Danke, ich bin happy 🙂

 

 

 

Al prossimo opening, che sarà più vicino, ne sono sicura!

 

 

P.S. Mi rendo conto che è un po’ scomoda come location ma non è poi così lontano e poi siano benedetti Facebook ed il Web:

 

FB: Nanà Klagenfurt

nana-fashion.at

 

A Klagenfurt lo trovate in Alter Platz, passate a dare un’occhiata e non ne uscirete a mani vuote!

 

 

 

Nessun commento su L’autunno accoglie Nanà in terra austriaca!

Type on the field below and hit Enter/Return to search