MissMess

MissMess

Life, Love, Passion

Categoria: Around

Hey you, fool summer: finalmente una domenica di sole, di unghie laccate di rosso e di ricordi greci #unavoltaallannosonogreca

Ieri mattina, aprendo la finestra della mia camera, ho pensato a quanto sia paradossale che una domenica di ottobre sia più estiva di una domenica di metà luglio.   Declinare…

Ieri mattina, aprendo la finestra della mia camera, ho pensato a quanto sia paradossale che una domenica di ottobre sia più estiva di una domenica di metà luglio.

 

Declinare un invito ad un pranzo potentemente carboidratico.

 

Declinare un invito ad un allenamento di canottaggio

( solo per passare ai raggi x i canottieri, sia ben chiaro !!!! ).

 

Declinare sostanzialmente le mie amiche per dedicare la mia domenica al sacro cazzeggio, laccandomi le unghie di rosso, nel mio giardino fiorito, accarezzata da un tiepido sole.

 

 

Ancora e ancora.

Quasi in zona Halloween io mi abbronzo.

E sono felice.

E ripenso ai miei giorni greci in una Grecia tanto azzurra, tanto calda, tanto luminosa, tanto greca.

 

 

 

 

 

Santorini, I love u!

Just Santorini!

Santorini in my heart!

Santorini in bianco!  Vulcano&MSC Crociere!  Bianca Arte! Bucato greco!  Illy c'è! Scale e fiori! Riscorci greci!  That's it! Sunset in Santorini!

 

 

Appurato che amo la Grecia in ogni sua piccola parte.

 

Appurato che ho deciso di dedicarmi, anno dopo anno, all’esplorazione di un’isoletta diversa.

A costo di impiegarci una vita ma voglio farle TUTTE.

 

Appurato che Santorini e Paros quest’anno mi hanno completamente conquistato, questi i lazy must:

 

A Santorini, dopo una notte in overbooking, sono finalmente arrivata a destinazione ed è sicuro: d’ora in poi dormirò sempre e solo al Vrachia Studios: un’oasi di pace in the land of nowhere con il rumore del mare come sottofondo.

 

Fare colazione sulla terrazza guardando il mare ed il vicino che, completamente nudo, si abbronza non è cosa da ogni giorno.

 

E’ cosa greca di Santorini!

 

 

Casetta mia!

La pace dal terrazzo di casa!

La vita non è sempre in salita!

Una finestra su Santorini!

 

In realtà, le spiagge scure di Santorini – rosse nere grigie – non fanno per me.

 

Siamo molto lontani dai candidi colori del mio cuore ma non importa:

 

è cosa nota che io abbia un rapporto solido e fedele con Kiko – gestibile solo grazie al fatto che Dio ci ha donato solo 20 dita – ed il problema è risolto!

 

Red Beach!

 

Il necessaire!

Colori!

 

 

 

Ma è a Paros che la Grecia mi ha dato il meglio: ventose spiagge bianche, libri da leggere sotto l’ombrellone, sbobbe di freddo caffè schiumoso, colori brillanti.

 

 

 

Assolutamente da non perdere: Faragas Beach – attrezzata, musicale e festaiola

 

vs

 

Voutakos Beach – il nulla, solo la sabbia ed il mare – posto strabiliante ma io ho retto 2 ore, per me interminabili.

 

Per poi fare ritorno a casa Faragas.

 

Nel mezzo Delfini Beach, Marchellos Beach ed Aliki Beach.

 

Tutte meraviogliose. Tutte bianche. Tutte da scoprire.

 

Turn on the right!

Capelli Greci!

Love Greek Beach!

All'ombra ed in relax!

 

Wind!

Sbobba di caffè

Sbobba&Colors!

Leggere sempre!

Faragas Beach Club!

 

 

 

Il discorso si fa serio quando parliamo di cibo greco: io mangerei tutto ciò che i greci producono: dalla pita, al feta, allo tzatziki, alla melitzanosalata, alla mousaka, a tutti gli small fish dell’Egeo, al gyros, ai souvlaka, all’insalata greca – il mio must, sopra ogni cosa – a tutto il resto che fa Grecia.

 

Nessuno può essere saggio a stomaco vuoto diceva Heliot.

 

Le sedie azzurre, i tavolini bianchi, le tovaglie a quadri, le barche che con il loro rollìo creano un sottofondo musicale che ti accompagna mentre il palato si ubriaca di sapori greci.

 

Tanti ristoranti mi sono rimasti nel cuore.

 

La Taverna Roza a Santorini, uno dei miei preferiti.

 

L’ultimo ristorante in fondo al molo nel Porto di Pairikia a Paros – queste le indicazioni via Whatsapp dalla mia amica Fra – giramondo di quelle serie, fortemente dedica al culto del buon cibo e grande estimatrice della terra greca – nessuna delle due ricorda il nome ma io ricordo benissimo i pescetti di cui son rimaste solo le lische e un hummus da aggiungere alla mia già lunga lista degli hummus da Guiness!

Fra ha impressa nella mente la Skordalia. Roba da intenditori, una salsa di patate e aglio, adatta ai single o agli aspiranti tali.

 

Il Magaya a Paros, sulla spiaggia, in una location incantata, talmente magica che quel sole, tuffandosi nel mare, pareva salutasse proprio me.

 

Il Kolimbithres Seafront è nella top ten. Tipica taverna greca Seafront.

 

L’Acrousis nel porto di Aliki a Paros è sempre un garanzia. La cameriera è sempre quella ma cambia colore di capelli con la velocità con cui io faccio fuori l’hummus da Guinness.

 

 

 

 

 

Porto di Noussa, Paros

We need a chair!

 

 

Aliki Beach, Santorini

Aliki Beach!

 

 

Taverna Roza a Santorini – uno dei miei preferiti, forse IL preferito!

 

One of my favourite!

IMG_0025

 

 

Magaya a Paros

 

Magaya Restaurant!

 

 

Tramonto a Magaya!

 

 

Magaya Sunset!

Magaya Sunset Again!

 

Santorini's Beer!

Mousaka, che vita sarebbe senza di te!

Hummus hummus hummus!

The best Hummus!

 

IMG_0022

 

Per lo shopping, a Paros, da non perdere Sigma T ed Event ( se non ce la fate, potete acquistare anche da casa sul loro sito ).

 

A Paros ho comprato di tutto : sciarpe, abiti, una stola verde muschio a pois bianchi che indosserò solo in Grecia, fascette per capelli anni’ 60 – anche queste a pois 🙂 per me e le mie amiche, lime per le unghie con asinelli di ogni foggia e colore stampati sopra, spezie, olio, dolcetti, miele e pomelli per dar nuova vita ai miei mobili vintage!

 

E avrei potuto impegnarmi di più!

 

IMG_0029

 

IMG_0031

Paros' streets!

IMG_0035

IMG_0028

 

IMG_0026

IMG_0033

 

IMG_0034

We are all here!

Acconciatura ventosa!

 

 

 

Ci sono cose nella vita che non cambiano, siamo noi a cambiare accanto a loro.

Questo è ciò che accade ogni volta che vivo in terra greca.

Non è mai abbastanza.

Ogni anno ho bisogno di più tempo.

Ci sono un sacco di porte spalancate sull’infinito che molto spesso non riesco cogliere.

Mulini che girano.

Sempre.

Ma che io, troppo spesso, credo fermi.

Ci sono furgoni colorati che non aspettano che di partire per scoprire spazi infiniti lì a due passi.

Vecchietti sereni che sfidano la vita a dadi, e vincono!

 

E poi ci sono io.

Io che ad ogni ritorno sono un pò diversa.

Un pò più serena.

Un pò più felice.

Un pò più IO.

 

#unavoltaallannosonogreca

 

Questa è l’unica verità.

 

 

 

Testa ancora sul collo!

Porte e Portoni!

Il verde salvia!

Peace&Love in Paros!

Veri uomini greci!

Magaya Day!

Sono Greca!

Paros'Home!

Chignon greci!

 

 

 

 

 

Nessun commento su Hey you, fool summer: finalmente una domenica di sole, di unghie laccate di rosso e di ricordi greci #unavoltaallannosonogreca

L’autunno accoglie Nanà in terra austriaca!

Che io ami viaggiare è cosa nota.   Che io mi sposti con gran facilità è cosa nota.   Che io ami i vestiti, le scarpe, le borse, gli accessori…

Che io ami viaggiare è cosa nota.

 

Che io mi sposti con gran facilità è cosa nota.

 

Che io ami i vestiti, le scarpe, le borse, gli accessori è cosa nota.

 

Mancare all’opening di Nanà?

 

La mia amica Heike non me lo avrebbe mai perdonato, mai!

 

Pena l’esclusione dal regno di Duino, mio luogo di buen ritiro quando della città non ne posso più!

 

Peccato che la cosa si svolgesse in terra austriaca, ja!

 

La sua terra.

 

A solo 1 h e 50 min da casa mia ( cito testualmente da nostra conversazione Whatsapp ).

 

Precisione austriaca da far tremare un’italiana verace e sempre in ritardo come me!

 

Per entrare completamente nel mood austriaco mi sono immediatamente dotata di Bretzel da sgranocchiare in autostrada sulla via di Klagenfurt.

 

IMG_0011

 

In Austria è tutto talmente ordinato che le uniche due briciole di Bretzel cadute in macchina durante il viaggio mio hanno creato uno stato di ansia che neanche il traffico in Tangenziale il lunedì mattina ma, alla fine, l’austriaca Heike aveva ragione:

 

1 h e 50 min ed ero in Alter Platz, ja!

 

 

Nanà ha già concluso il rodaggio.

 

 

IMG_0019

 

 

 

 

Un’ordinata allegria mi accoglie.

 

Tra una cliente che prova un meraviglioso giubbino verde – che ho deciso diventerà mio, insieme ad un paio di stivali che non possono che stare ai miei piedi ed un pellicciottino eco panna che non può che scaldare me, proprio me!

 

Un’altra che sceglie tra meravigliosi abiti appesi – in maniera ordinata, of course!

 

La mia amica Heike che imbusta meravigliosi capi Nanà.

 

Le sue due meravigliose figlie che ci danno sotto con uno shopping degno della Kinsella austriaca – e la Meggy ha già impalmato il giubbino verde che sarà mio 😉

 

Io e la mia compagna di viaggio ci aggiriamo per lo store.

 

IMG_0020

 

 

 

Due piani molto cool, nei toni del nero, del rosso e del legno, con un trono nero al primo piano!

 

Ecco, dove c’è un trono io mi sento sempre a mio agio 😉

 

E davanti ad un trono non si può che brindare perchè ogni nuova avventura va benedetta dalle bollicine.

 

IMG_0014

IMG_0016

IMG_0017

IMG_0013

IMG_0015

 

 

 

 

 

Avrei voluto salutare Nanà in maniera corretta, mi sono impegnata, ma non sono riuscita a non metterci del mio 😉

 

 

 

Danke, ich bin happy 🙂

 

 

 

Al prossimo opening, che sarà più vicino, ne sono sicura!

 

 

P.S. Mi rendo conto che è un po’ scomoda come location ma non è poi così lontano e poi siano benedetti Facebook ed il Web:

 

FB: Nanà Klagenfurt

nana-fashion.at

 

A Klagenfurt lo trovate in Alter Platz, passate a dare un’occhiata e non ne uscirete a mani vuote!

 

 

 

Nessun commento su L’autunno accoglie Nanà in terra austriaca!

Type on the field below and hit Enter/Return to search