MissMess

MissMess

Life, Love, Passion

Tag: estate

Cous Cous che sa di cocco e verdure dell’orto!

Perchè è quando ci sono 40 gradi all’ombra che i veri spadellano! I veri pazzi! Ed io ne faccio orgogliosamente parte! Il cous cous è un cavallo di battaglia di…

  • Perchè è quando ci sono 40 gradi all’ombra che i veri spadellano!
  1. I veri pazzi!
  2. Ed io ne faccio orgogliosamente parte!
  3. Il cous cous è un cavallo di battaglia di due care amiche.
  4. Due menti matematiche.
  1. L’architetto usa anche l’olio di cocco che mi ha conquistata.
  2. Non potevo non replicare dopo aver assaggiato la deliziosa sbobba, proprio quì, in spiaggia, in una giornata di sole.
  3. Quel profumo di cocco che fa così esotico.
  4. Lo uso ovunque.

Corpo, capelli, cucina.

L’amica in questione spadella per me nel suo appartamento bianco, spupazzandosi Arturo The Big Red Cat, mentre io e lei ci aggiorniamo.

416453f892ef862c2434c1a63eae4d26

663784a9da1e5d17c22d961fc6cc58a7

  1. INGREDIENTI per 4 persone
  2. 1 melanzana
  3. 3 zucchine ( perchè io ho un debole per le zuccchine! )
  4. 1 peperone
  5. 2 carote
  6. 1 cipolla di Tropea
  7. 1 cipollotto
  8. Olio di Oliva q.b.
  9. Olio di Cocco ( io ho usato quello della Rapunzel, su consiglio dell’arch.! ) q.b.
  10. Sale q.b.
  11. Pepe q.b.

IMG_5079

IMG_5086

  1. PROCEDIMENTO
  2. Tagliare le verdure a listarelle o a quadretti – siete menti più matematiche o artistiche?
  3. Le mie le ho tagliate un po’ a casaccio, ovviamente!
  4. Un pout pourri di colori, misure e forme 😉
  5. Aggiungo olio, sale e pepe.
  6. IMG_5090

IMG_5088

  1. Le verdure le faccio saltare per circa mezz’oretta a seconda della quantità.
  2. Nel frattempo faccio bollire il cous cous in acqua salata.
  3. Un volta pronto lo filtro, anche se non sarebbe necessario ma preferisco non rilasci acqua di cottura così si amalgama meglio con le verdure.
  4. Infine unisco cous cous e verdure.
  5. Un matrimonio idiliiaco.
  6. Una delizia.

IMG_5089

  1. Io cerco di usare l’olio che, annualmente, porto dalla Grecia.
  2. Un olio buonissimo, che mi costa check in lunghi e tormentati con annesse preghierine nella speranza che decidano di far passare la mia valigia rossa, pesante come un macigno ma piena di delizie.
  3. Lo stesso accade sull’isla.
  4. Lo stesso accadrà a settembre.
  5. Forse non mi faranno partire.
  6. Forse dovrò restare lì con il mio carico di sale delle saline di Formentera e spadellerò a San Francesc.
  7. Forse riempirò l’isla di cous cous al sapore di cocco e di verdure dell’orto.
  8. Forse, magari.
Nessun commento su Cous Cous che sa di cocco e verdure dell’orto!

Hey you, Summer! Io ed i miei #top 9 ci siamo!

Che l’estate sia la MIA stagione è chiaro. In alto l’abbonamento al Beach Club. Abbasso lo SkiPass. Si dice che la data di nascita conti. Fine agosto, quando sono nata…

Che l’estate sia la MIA stagione è chiaro.

In alto l’abbonamento al Beach Club.

Abbasso lo SkiPass.

IMG_3896 IMG_3892

IMG_0014

IMG_0012

IMG_0011

Si dice che la data di nascita conti.

Fine agosto, quando sono nata io, è ancora estate?

La prima pioggia di agosto che rinfresca il bosco mi ha sempre incasinato…un sacco di compleanni con copertina di pile e galoche anziché pareo e infradito 🙁

Le mie Top #9 per l’estate variano.

Come il mio umore.

9 perchè mi bastano.

9 perché le cose di cui ho bisogno quest’estate sono loro e sono 9

9 per me perché per tutti i top sono sempre #10.

Mai come quest’anno sole, mare e sabbia nella mia vita per accogliere l’autunno con il mood giusto 🙂

L’estate addosso davvero ( io proprio non riesco a smettere! No no! ).

Per la prima volta ho una casa al mare.

Azzurra e bianca.

Piena di sole.

Circondata dai pini e dal frinio delle cicale.

Ormai vivo quì.

E sono felice.

1. HelioCare Ultra e Hawaian Tropic e Protezione 30.

IMG_0032

IMG_0002

Perché sono bianca come una mozzarella ( e morbida come una burratina! ).

HelioCare Ultra la vera scoperta di quest’anno.

Su consiglio della mia dermatologa, protegge dall’interno.

Una capsula o due prima di esporsi al sole!

P.S. Non sostituisce la protezione in crema che deve essere alta sempre e comunque!

Hawaian Tropic insostituibile ormai!

2. La borsina in rete home made by la mia amica Agata per prodotti da bagno.

IMG_0024 2

IMG_0025

Una cosa semplice che, in realtà, è una genialata pazzesca!

La mia è azzurra, ovviamente!

Cucita a mano, leggerissima e comoda da appendere in doccia.

Contiene un sacco di prodotti ( tutti quelli che non si sa dove appoggiare quando ci si fa la doccia fuori casa ) ma soprattutto si può bagnare perché si asciuga in un nano secondo.

Io non mi muovo più senza.

Agata è su Facebook:

Agata Mannino.

Scrivetele per avere la vostra borsina personalizzata 😉

3. Shampoo e Crema Nutriente Beach Hair di Cotril & Olio per Capelli al Cocco Monoï Erboristica di Athena’s.

IMG_0033

IMG_0007

Perché i miei capelli sono tutto tranne che naturali.

Perché d’estate vivo con una specie di nido sulla testa che dovrebbe essere un moderno chignon.

Perché detesto pettinarmi.

Abolite le mechès quando i miei capelli sono diventati più crespi di quelli di Barbie Luce di Stelle per passare allo shatoush, forever.

Protezione con Olii e Shampoo e Creme Nutrienti che li rendono splendidi setosi e sani.

Io ho scelto #cotril in tempi non sospetti…parecchi anni fa, quando Belen non li aveva ancora scoperti ma la mia fantastica parrucchiera sì 😉

Sono strepitosi, credetemi!

4. Smalto Color Lavanda.

IMG_4731

IMG_0012 2

Ho comprato forno, base, smalti, leva smalti etc etc etc.

TUTTO per il semi permanente.

Usato 2 volte perché con #kiko è una cosa seria.

È amore.

Quest’anno il lavanda è il mio secondo azzurro.

È serenità.

È relax.

È vacanza.

È estate.

È il nr. 331 di Kiko.

5. Hawaianas.

IMG_0024

IMG_0026

IMG_0019

Questo non è amore.

È dipendenza.

È roba da psicoterapia.

Ed il destino mi ha fatto trovare casa giustappunto sopra l’Hawaianas Store di Lignano Pineta.

Una tragedia oppure una prova.

È più forte di me.

Le vorrei tutte.

E mi sto impegnando parecchio per riuscirci 😉

6. Occhiali da sole e occhiali da gatta accecata.

Cresciuta con occhiali e lenti a contatto perché talpa fin dall’infanzia, non posso immaginare la mia vita senza.

Mi sbizzarrisco. Mi danno grandi soddisfazioni.

Quest’anno son tornata ai Ray Ban abbandonati all’inizio degli anni ’90 e alla segretaria anni ’60 che si sposano benissimo con il mio nido!

IMG_0010 2

IMG_3234

IMG_0023

7. La borsa Gipsy.

IMG_4743

IMG_4741

IMG_4740

IMG_4739

Perchè chi non è stato un pò gipsy in vita sua o avrebbe voluto o lo sarà prima o poi?

Perchè di blogger è pieno il mondo – un pò lo sono pure io che è tutto un dire! – ma di gipsy in cucina ce n’è una sola!

Perchè quando la leggo mi sento semplicemente bene.

Perchè mi mette il buonumore.

Perchè è gioiosa.

Perchè le borse, in fondo, sono la mia vera unica passione.

Perchè ormai la uso per mille cose.

Perchè fa estate.

8. Libri & e-book.

IMG_0009

Leggere su carta, sempre e comunque.

Fino a quando la mia amica Monica ha deciso di regalarmi Kobo.

È difficile rinunciare alla comodità di avere 50 libri tutti insieme.

Più leggeri della crema protezione 30.

Più piccoli della pochette porta tutto da spiaggia.

9. Selfie & iPhone.

IMG_2795

Nota dolente.

Leggi punto 5.

Altra dipendenza.

Scatto scatto e scatto.

Edito edito edito.

In spiaggia più che mai.

Sarà che amo portare con me i ricordi  perché mi riscaldano il cuore.

Sarà che non riesco a stare zitta un attimo…tant’è che telefono e macchina fotografica insieme sono deleteri per me.

Parlo e fotografo.

Parlo ed edito.

E posso anche postare.

Tutto questo dal mio lettino che guarda il mare.

Parte della mia vita è tutta quì.

Nessun commento su Hey you, Summer! Io ed i miei #top 9 ci siamo!

Hey you, fool summer: finalmente una domenica di sole, di unghie laccate di rosso e di ricordi greci #unavoltaallannosonogreca

Ieri mattina, aprendo la finestra della mia camera, ho pensato a quanto sia paradossale che una domenica di ottobre sia più estiva di una domenica di metà luglio.   Declinare…

Ieri mattina, aprendo la finestra della mia camera, ho pensato a quanto sia paradossale che una domenica di ottobre sia più estiva di una domenica di metà luglio.

 

Declinare un invito ad un pranzo potentemente carboidratico.

 

Declinare un invito ad un allenamento di canottaggio

( solo per passare ai raggi x i canottieri, sia ben chiaro !!!! ).

 

Declinare sostanzialmente le mie amiche per dedicare la mia domenica al sacro cazzeggio, laccandomi le unghie di rosso, nel mio giardino fiorito, accarezzata da un tiepido sole.

 

 

Ancora e ancora.

Quasi in zona Halloween io mi abbronzo.

E sono felice.

E ripenso ai miei giorni greci in una Grecia tanto azzurra, tanto calda, tanto luminosa, tanto greca.

 

 

 

 

 

Santorini, I love u!

Just Santorini!

Santorini in my heart!

Santorini in bianco!  Vulcano&MSC Crociere!  Bianca Arte! Bucato greco!  Illy c'è! Scale e fiori! Riscorci greci!  That's it! Sunset in Santorini!

 

 

Appurato che amo la Grecia in ogni sua piccola parte.

 

Appurato che ho deciso di dedicarmi, anno dopo anno, all’esplorazione di un’isoletta diversa.

A costo di impiegarci una vita ma voglio farle TUTTE.

 

Appurato che Santorini e Paros quest’anno mi hanno completamente conquistato, questi i lazy must:

 

A Santorini, dopo una notte in overbooking, sono finalmente arrivata a destinazione ed è sicuro: d’ora in poi dormirò sempre e solo al Vrachia Studios: un’oasi di pace in the land of nowhere con il rumore del mare come sottofondo.

 

Fare colazione sulla terrazza guardando il mare ed il vicino che, completamente nudo, si abbronza non è cosa da ogni giorno.

 

E’ cosa greca di Santorini!

 

 

Casetta mia!

La pace dal terrazzo di casa!

La vita non è sempre in salita!

Una finestra su Santorini!

 

In realtà, le spiagge scure di Santorini – rosse nere grigie – non fanno per me.

 

Siamo molto lontani dai candidi colori del mio cuore ma non importa:

 

è cosa nota che io abbia un rapporto solido e fedele con Kiko – gestibile solo grazie al fatto che Dio ci ha donato solo 20 dita – ed il problema è risolto!

 

Red Beach!

 

Il necessaire!

Colori!

 

 

 

Ma è a Paros che la Grecia mi ha dato il meglio: ventose spiagge bianche, libri da leggere sotto l’ombrellone, sbobbe di freddo caffè schiumoso, colori brillanti.

 

 

 

Assolutamente da non perdere: Faragas Beach – attrezzata, musicale e festaiola

 

vs

 

Voutakos Beach – il nulla, solo la sabbia ed il mare – posto strabiliante ma io ho retto 2 ore, per me interminabili.

 

Per poi fare ritorno a casa Faragas.

 

Nel mezzo Delfini Beach, Marchellos Beach ed Aliki Beach.

 

Tutte meraviogliose. Tutte bianche. Tutte da scoprire.

 

Turn on the right!

Capelli Greci!

Love Greek Beach!

All'ombra ed in relax!

 

Wind!

Sbobba di caffè

Sbobba&Colors!

Leggere sempre!

Faragas Beach Club!

 

 

 

Il discorso si fa serio quando parliamo di cibo greco: io mangerei tutto ciò che i greci producono: dalla pita, al feta, allo tzatziki, alla melitzanosalata, alla mousaka, a tutti gli small fish dell’Egeo, al gyros, ai souvlaka, all’insalata greca – il mio must, sopra ogni cosa – a tutto il resto che fa Grecia.

 

Nessuno può essere saggio a stomaco vuoto diceva Heliot.

 

Le sedie azzurre, i tavolini bianchi, le tovaglie a quadri, le barche che con il loro rollìo creano un sottofondo musicale che ti accompagna mentre il palato si ubriaca di sapori greci.

 

Tanti ristoranti mi sono rimasti nel cuore.

 

La Taverna Roza a Santorini, uno dei miei preferiti.

 

L’ultimo ristorante in fondo al molo nel Porto di Pairikia a Paros – queste le indicazioni via Whatsapp dalla mia amica Fra – giramondo di quelle serie, fortemente dedica al culto del buon cibo e grande estimatrice della terra greca – nessuna delle due ricorda il nome ma io ricordo benissimo i pescetti di cui son rimaste solo le lische e un hummus da aggiungere alla mia già lunga lista degli hummus da Guiness!

Fra ha impressa nella mente la Skordalia. Roba da intenditori, una salsa di patate e aglio, adatta ai single o agli aspiranti tali.

 

Il Magaya a Paros, sulla spiaggia, in una location incantata, talmente magica che quel sole, tuffandosi nel mare, pareva salutasse proprio me.

 

Il Kolimbithres Seafront è nella top ten. Tipica taverna greca Seafront.

 

L’Acrousis nel porto di Aliki a Paros è sempre un garanzia. La cameriera è sempre quella ma cambia colore di capelli con la velocità con cui io faccio fuori l’hummus da Guinness.

 

 

 

 

 

Porto di Noussa, Paros

We need a chair!

 

 

Aliki Beach, Santorini

Aliki Beach!

 

 

Taverna Roza a Santorini – uno dei miei preferiti, forse IL preferito!

 

One of my favourite!

IMG_0025

 

 

Magaya a Paros

 

Magaya Restaurant!

 

 

Tramonto a Magaya!

 

 

Magaya Sunset!

Magaya Sunset Again!

 

Santorini's Beer!

Mousaka, che vita sarebbe senza di te!

Hummus hummus hummus!

The best Hummus!

 

IMG_0022

 

Per lo shopping, a Paros, da non perdere Sigma T ed Event ( se non ce la fate, potete acquistare anche da casa sul loro sito ).

 

A Paros ho comprato di tutto : sciarpe, abiti, una stola verde muschio a pois bianchi che indosserò solo in Grecia, fascette per capelli anni’ 60 – anche queste a pois 🙂 per me e le mie amiche, lime per le unghie con asinelli di ogni foggia e colore stampati sopra, spezie, olio, dolcetti, miele e pomelli per dar nuova vita ai miei mobili vintage!

 

E avrei potuto impegnarmi di più!

 

IMG_0029

 

IMG_0031

Paros' streets!

IMG_0035

IMG_0028

 

IMG_0026

IMG_0033

 

IMG_0034

We are all here!

Acconciatura ventosa!

 

 

 

Ci sono cose nella vita che non cambiano, siamo noi a cambiare accanto a loro.

Questo è ciò che accade ogni volta che vivo in terra greca.

Non è mai abbastanza.

Ogni anno ho bisogno di più tempo.

Ci sono un sacco di porte spalancate sull’infinito che molto spesso non riesco cogliere.

Mulini che girano.

Sempre.

Ma che io, troppo spesso, credo fermi.

Ci sono furgoni colorati che non aspettano che di partire per scoprire spazi infiniti lì a due passi.

Vecchietti sereni che sfidano la vita a dadi, e vincono!

 

E poi ci sono io.

Io che ad ogni ritorno sono un pò diversa.

Un pò più serena.

Un pò più felice.

Un pò più IO.

 

#unavoltaallannosonogreca

 

Questa è l’unica verità.

 

 

 

Testa ancora sul collo!

Porte e Portoni!

Il verde salvia!

Peace&Love in Paros!

Veri uomini greci!

Magaya Day!

Sono Greca!

Paros'Home!

Chignon greci!

 

 

 

 

 

Nessun commento su Hey you, fool summer: finalmente una domenica di sole, di unghie laccate di rosso e di ricordi greci #unavoltaallannosonogreca

Hey you, fool summer: tempo piovoso, tempo di marmellata di fichi home made!

    Mi ero ripromessa di dedicare la mia estate alla lunga lista delle cose da fare.   Un intero inverno solo per stilarla, la maledetta lista.   Primo su…

 

 

Mi ero ripromessa di dedicare la mia estate alla lunga lista delle cose da fare.

 

Un intero inverno solo per stilarla, la maledetta lista.

 

Primo su tutto ristrutturare casa.

 

Ora, io non odio gli scatoloni per principio ma odio fare ordine.

 

Sono la persona più ordinata che conosca ma lo so solo io: gli occhi degli altri vedono casino

 

ma così non è:

 

è semplicemente il mio ordine.

 

Un Lazy ordine.

 

 

 

Ciò detto, siamo quasi a fine agosto, sono andata in ogni dove, ho la casa invasa dagli

 

scatoloni, in testa ancora il dubbio sul colore da dare alle pareti e davanti a me

 

altri giorni di pioggia con l’aggravante che se dovesse fare improvvisamente freddo come

 

prevedono, non ho nemmeno un misera coperta da buttare sulle

 

spalle modello Nonna Papera!

 

 

 

 

Nel frattempo sono maturati, anticipatamente, i fichi sul mio albero quasi centenario e loro

 

hanno la priorità!

 

image

 

 

Il glorioso fico è stato piantato dai miei nonni e per me è una specie di monumento:

 

sono cresciuta all’ombra delle sue larghe foglie, ho schiacciato un sacco di

 

pisolini meravigliosi protetta dai suoi rami, ho scartato tutti i regali di compleanno

 

– ogni anno – lì sotto.

 

Ma soprattutto lì sotto ha scelto di andarsene la mia prima amata pelosetta.

 

Ed in quella tristissima occasione lui mi ha donato un nuovo, piccolo, forte rametto.

 

A testimonianza che la natura è pura magia!

 

 

FullSizeRender

 

 

 

E’ un albero che ha accompagnato generazioni, che ha visto sentito e vissuto un sacco di cose.

 

Tutti noi lo abbiamo sempre amato e lui, puntuale, ogni anno ci inonda di succosissimi frutti.

 

Ai suoi piedi cresce rigogliosa una tale quantità di menta che, ormai, chez moi, in estate

 

si pasteggia a Mojito!

 

A gentile richiesta anche per asporto 🙂

 

 

 

IMG_9791

 

 

 

Per questo motivo esiste una vera e propria banda della marmellata di fichi.

 

Per essere ammessi bisogna dimostrare uno spiccato interesse per la materia.

 

Siamo seriamente calate nella parte.

 

Quest’anno la cofondatrice non sarà presente alla raccolta: vive alle Canarie da una vita ma ogni anno torna qui per la succosa produzione, tranne questa volta.

 

Forse avrà un vasetto tramite Fedex per creanza ma non è detto perché questa assenza ha colpito i sentimenti di tutte le socie.

 

 

L’altra potente produttrice di marmellate è attualmente al lavoro in terra d’Israele.

 

Prima di partire mi ha donato un libro accompagnato da una sua marmellata home made strepitosa…

 

Pensandoci probabilmente era il contrario: il libro accompagnava la marmellata.

 

Non può che essere così.

 

 

Libri&Marmellate!

 

Ma la Cinzietta c’è.

 

Lei non manca mai.

 

Lei per i fichi c’e sempre.

 

Quest’anno è stata la prima produttrice perciò ecco a voi le sue dritte in merito.

 

Quando avrò notizie da Canarie ed Israele aggiornerò il post o forse lo faranno direttamente

 

loro!!

 

image

 

 

I vasetti che tutte usiamo sono i Quattro Stagioni della Bormioli.

 

Per la sterilizzazione basta metterli nel forno, dopo averli lavati, e portare a 100 gradi.

 

Da quel momento lasciarli lì per 15/20 minuti.

 

Sterilizzati e pronti per essere riempiti.

 

Per quanto riguarda i tappi noi non li riutilizziamo mai.

 

 

 

 

 

Marmellata di Fichi Home made by Cinzietta:

 

1 kg di fichi

500 gr di zucchero

1 bustina di Peptina – Fruttapec 2:1

 

Lavare, pelare e tagliare i fichi.

 

 

Let's do it!

 

 

 

In una pentola capiente aggiungere ai fichi la peptina e lo zucchero.

 

Far bollire e mescolare continuativamente per circa 5 minuti ovvero finchè la frutta non diventa marmellatosa 🙂

 

 

Marmellata mia!

 

 

 

Voglia di buttarmici dentro!

 

 

 

Riempire i vasi con la marmellata ancora calda.

 

 

 

Impiattiamo!

 

 

 

 

A riempimento ultimato e dopo averli tappati, girarli sotto sopra per circa 10 minuti per creare il sottovuoto.

 

 

 

 

Marmellate Sottosopra!

 

 

 

 

Rigirarli.

 

A questo punto sono proprio pronti!

 

 

 

La morte sua, per qualcuno, è con le fette biscottate.

 

Per altri con il pane caldo.

 

Per i seguaci della dieta Dukan, con le focaccine all’Avena.

 

Per me con il cucchiaio e basta.

 

Lei sola.

 

🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento su Hey you, fool summer: tempo piovoso, tempo di marmellata di fichi home made!

Type on the field below and hit Enter/Return to search